[FOGGIA]: Apriamo spazi di libertà, occupata la Palestra ex-Gil!

by / Commenti disabilitati su [FOGGIA]: Apriamo spazi di libertà, occupata la Palestra ex-Gil! / 133 View / 13 maggio 2014

Share

In queste ore il  Collettivo 0881, già noto in città per una serie di iniziative (l’occupazione della scuola Giovanni XXII e della De Sanctis, oltre al concerto del Primo Maggio autofinanziato e autogestito), è entrato e ha aperto le porte di alcuni stabili presenti su Via Da Zara, strutture destinate al Dipartimento di Economia.

Un altro “spazio di libertà” aperto, reso accessibile e fruibile, una struttura perfettamente in grado di ospitare gli studenti e le studentesse di economia che da troppo tempo subiscono numerose situazioni di degrado.

Vogliamo prima di tutto raccontarvi la vicenda di questi stabili, assegnati all’ Università di Foggia da ormai tre anni, una gara di appalto perla realizzazione dei lavori che, nel 2012 non era ancora stata aperta perchè si doveva attendere il parere del Comune di Foggia in merito all’inclusione di un edificio universitario nella zona di pertinenza dell’immobile, tant’è che la vittoria di una ditta di Ravenna è stata decretata il 4 aprile 2014, poco più di un mese fa.

Ma il sogno di realizzare una “cittadella universitaria” in quel di Foggia sembra farsi ancora più utopico, vista la rinuncia all’acquisto della Caserma Miale decisa dal Rettore Maurizio Ricci con delle motivazioni che non riteniamo esaustive.

Se solo a gennaio ci si riteneva soddisfatti per il taglio evitato paria 2 milioni di euro, solo ora ci si accorge che l’Ateneo non ha abbastanza denaro?

E come possibile che i soldi necessari per l’acquisto della struttura potrebbero configurare un aiuto di Stato, se gli stabili di Via da Zara verranno ristruttura con fondi FAS?

Intanto la burocrazia inesorabilmente fa’ il suo corso e nel mentre, chi continua a subire, sono gli studenti e le studentesse che utilizzano spazi che rendono la didattica difficoltosa e che impediscono l’esercizio del diritto allo studio che, di fatto, dovrebbe essere garantito dalle Istituzioni Universitarie. Basti pensare alle aule troppo piccole e affollatissime durante i corsi, alla condivisione degli spazi con l’Istituto incremento ippico e il fetore delle stalle, alla mancanza di una biblioteca di area economica e di una sala studio, ai continui spostamenti al Dipartimento di Giurisprudenza per seguire le altre lezioni. Senza ombra di dubbio uno dei Dipartimenti più problematici di tutto l’Ateneo.

Noi, alle sfarzose cerimonie in aula magna, preferiamo aprirvi delle porte e dirvi: “Questo è nostro”, è degli studenti, dei cittadini, di chi è stanco di vivere situazioni di abbandono e di provare sulla propria pelle la privazione continua di ciò che ci spetta. Per questo non si rimane inermi, per questo si agisce portando avanti un’istanza come questa, restituire a noi degli spazi di cui ingiustamente e continuamente siamo privati.

Supportiamo l’azione del collettivo 0881, dimostriamo che a noi studenti sta a cuore il nostro Ateneo così come sta a cuore la nostra città, APRIAMO SPAZI DI LIBERTA’!

QUI la nota di LINK Foggia