[CAMPANIA] La Regione approva il trasporto gratuito per gli studenti: grande vittoria, ma vogliamo di più!

by / Commenti disabilitati su [CAMPANIA] La Regione approva il trasporto gratuito per gli studenti: grande vittoria, ma vogliamo di più! / 199 View / 24 dicembre 2015

Il 22 dicembre il Consiglio Regionale della Campania ha deliberato la Legge di Stabilità 2016, prevedendo alcune misure anche per il diritto allo studio e l’istruzione. La previsione di circa 15 milioni di euro per il trasporto gratuito agli studenti medi e universitari fino a 26 anni, e con reddito ISEE fino a €35000, rappresenta un passo avanti rispetto alla situazione che fino ad ora eravamo costretti a vivere nella nostra regione, nonché una vittoria relativamente alle proposte che negli ultimi mesi abbiamo portato nelle piazze e che definimmo anche nella nostra piattaforma propositiva, presentata durante la scorsa campagna elettorale a tutti i candidati alla presidenza.

Il sistema, tuttavia, vive ancora in condizione disastrose: negli ultimi 5 anni i servizi dei trasporti sono stati tagliati del 15% e migliaia di studenti, soprattutto delle aree interne, restano esclusi dalle tratte del trasporto pubblico locale, o sono costretti a viaggiare in condizioni disastrose. Questa misura non basta per renderci pienamente soddisfatti di un modello di welfare studentesco che non è ancora universale e pienamente accessibile a chi vive la condizione di soggetto in formazione.

Attendiamo ancora l’innalzamento, da parte dell’amministrazione regionale presieduta da Vincenzo de Luca, delle soglie di reddito ISEE e ISPE per l’accesso ai servizi di diritto allo studio, così come ci promise l’assessore Fortini durante la “Notte Bianca per il Diritto allo studio” (https://www.facebook.com/notes/link…), e vigileremo attentamente se la quantità dei fondi stanziati per le borse di studio universitarie riusciranno a coprire tutta la platea di idonei.

Per garantire un’effettiva autonomia e maggiore libertà di scelta a chi è studente, bisogna ripensare completamente le misure di diritto allo studio che ora sono previste, partendo da strumenti, come il reddito di formazione, che limiterebbe di molto l’abbandono, da parte di molti giovani, del proprio percorso di formazione a causa della mancanza dei mezzi economici per farvi fronte.

 

Link Napoli

Link Fisciano