Nunzia De Girolamo nella bufera, la rivolta del pubblico la sorprende e la lascia senza parole

L’ex Ministra Nunzia De Girolamo, ora in veste di conduttrice televisiva, rimane scioccata dalla reazione del pubblico.

All’interno del periodico italiano «Nuovo», rivista dedicata ai protagonisti del mondo della televisione, dello spettacolo e del web, edito da Cairo Editore, è presente una rubrica in cui viene scelto un commento riguardante una notizia, più o meno importante, da parte di uno dei lettori del giornale. Ovviamente, l’opinione riportata sulle pagine del periodico riceve una risposta da parte di un’importante giornalista italiano, nonché docente universitario di comunicazione e media.

Ascolti bassi per il nuovo talk show politico, l'ex ministra Nunzia De Girolamo è preoccupata
(Foto ANSA) L’ex ministra Nunzia De Girolamo è preoccupata per gli ascolti bassi per il suo nuovo talk show politico (www.linkcoordinamentouniversitario.it)

 

In particolare, la notizia e il commento riportati sul periodico «Nuovo» riguardano l’ex Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali del Governo Letta, Nunzia De Girolamo, la quale ha abbandonato la politica per dedicarsi alla conduzione televisiva. In particolare, dal 10 ottobre 2023, è iniziato il suo nuovo talk show politico “Avanti popolo”, in onda in prima serata su RAI 3. Il lettore Nando da Firenze sottolinea come abbia apprezzato la modalità di conduzione di De Girolamo.

Durante il corso delle prime due puntante, è stata apprezzata la professionalità e il modo genuino con cui Nunzia De Girolamo ha portato avanti il suo nuovo programma, anche se in alcuni momenti poteva sembrare un po’ impacciata e timida. Nonostante ciò, l’ex ministra ed ex deputata nel ruolo di conduttrice dimostra comunque tutta la propria competenza politica. Questo è quello che ha pensato il lettore guardando il programma, ma è rimasto meravigliato del fatto che gli ascolti siano stati bassi e si chiede se effettivamente sia piaciuta solamente a lui.

Il nuovo talk show della De Girolamo non piace agli italiani

Come mai il nuovo talk show politico condotto e ideato da Nunzia De Girolamo non piace molto agli italiani, nonostante la sua professionalità e competenza nella comprensione del mondo politico italiano e non solo? Forse è troppo presto per fare affermazioni di questo tipo, d’altronde sono state trasmesse solamente due puntate. Nonostante ciò, a seguito del commento del lettore Nando da Firenze, arriva la consueta risposta del giornalista italiano Alessandro Cecchi Paone, al quale è dedicata per l’appunto la rubrica all’interno del periodico «Nuovo».

Il giornalista Alessandro Cecchi Paone risponde al lettore nella rubrica dedicata
(Foto ANSA) Nella rubrica dedicata, Alessandro Cecchi Paone risponde al lettore (www.linkcoordinamentouniversitario.it)

 

Alessandro Cecchi Paone esordisce, ovviamente, sottolineando come Nunzia De Girolamo sia un’ottima conduttrice ed esperta di comunicazione politica, grazie alla sua precedente esperienza in Parlamento e nel Governo Letta. Inoltre, forse non tutti sanno che De Girolamo, che ha militato tra le fila del centro-destra, è sposata con l’ex Ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, dirigente del Partito Democratico. Nonostante la divergenza politica, l’unione matrimoniale è salda più che mai. Purtroppo, secondo Cecchi Paone, essersi presentati insieme all’interno del programma non è stata un’ottima idea.

Gli ascolti delle prima due puntate del programma, infatti, non sono andati molto bene. Ma forse, sostiene infine Cecchi Paone, il problema non è nel particolare Nunzia De Girolamo. La questione è che ormai il pubblico è ormai saturo del format del talk show politico, all’interno dei quali – a parte per i conduttori, nuovi o vecchi – tutto sembra uguale: gli ospiti e le tematiche risultano essere sempre gli stessi. Ad oggi, in televisione servono più che mai idee nuove per attirare il pubblico, il quale sceglie cosa vedere semplicemente e solamente sulla base della simpatia per il conduttore o per l’ospite.

Impostazioni privacy