Zuckerberg sta lavorando ad una nuova IA ancora più potente e pericolosa: sostituirà proprio tutti

Le intelligenze artificiali sono sicuramente la tecnologia del momento e Mark Zuckerberg sta lavorando a un’IA molto potente.

Nell’ambiente tecnologico e informatico è ormai risaputo che l’argomento principale è quello delle intelligenze artificiali: una tecnologia che ha fatto discutere tanto nel corso del 2023 e che sicuramente farà discutere ancora di più nel corso di quest’anno. Si tratta sicuramente di un argomento delicato sul quale però le grandi aziende tech stanno puntando tutte le loro risorse, tra cui Meta di Mark Zuckerberg che è in procinto di diffondere la propria e personale IA.

Mark Zuckerberg IA
La nuova IA di Mark Zuckerberg che spaventa tutti (LinkCoordinamentoUniversitario.it)

Come detto in precedenza la situazione attuale delle IA preoccupa tante persone per motivi diversi: la maggior parte degli utenti ha paura che un giorno le intelligenze artificiali possano sostituire l’uomo al 100% e in ogni lavoro, una preoccupazione che tocca da vicino gli artisti e tutte quelle persone che creano contenuti originali con le proprie capacità e che sono molto preoccupati dalla visione di un futuro dove le loro abilità non sono più richieste.

Mark Zuckerberg pronto a lanciarsi in un nuovo progetto targato IA

La preoccupazione è tanta e dunque si richiedono forti restrizioni e regolamentazioni per questa tecnologia che è anche potenzialmente pericolosa per le capacità che potrebbe raggiungere, intanto però le grandi aziende tech ci stanno puntando molto e tutti i nuovi prodotti lanciati sul mercato nell’ultimo anno avevano proprio a che fare con l’intelligenza artificiale. Google, Microsoft e adesso anche Meta di Mark Zuckerberg sono solo alcune delle aziende che hanno speso soldi e risorse sull’IA.

IA
Zuckerberg pronto a ideare l’IA del futuro (LinkCoordinamentoUniversitario.it)

Mark Zuckerberg è stato ampiamente al centro dell’attenzione ultimamente, soprattutto in Europa con il rilascio della sua nuova piattaforma Threads: un social di micro-blogging che è nato come chiaro concorrente di X, la piattaforma che un tempo si chiamava Twitter e che è stata acquistata da Elon Musk. L’obiettivo dell’ideatore di Facebook resta però sempre l’intelligenza artificiale e il suo scopo è addestrarne una che sia alla pari e magari anche superiore alle mente umana.

L’obiettivo di Mark Zuckerberg è quello di lavorare sull’Intelligenza Artificiale Generale (AGI), ovvero un tipo di intelligenza artificiale con delle capacità paragonabili a quelle del cervello umano. Si tratta del secondo grado di intelligenza artificiale dopo quelle di base che sono state ideate fino a questo momento, ovvero quelle generative di immagini e testi, come ad esempio i numerosi chatbot tra cui il celebre ChatGPT.

Al giorno d’oggi sembra che nessuna grande azienda abbia le capacità e le risorse per creare un’AGI funzionante, ma Zuckerberg sembra voler puntare molto su questo tipo di tecnologia addestrando un nuovo linguaggio: Llama 3. Non è chiaro quando questa IA vedrà la luce, ma per certi versi questo tipo di intelligenza artificiale potrebbe essere ancor più preoccupante di quella attuale.

Impostazioni privacy