Sorprese Kinder vintage: se hai ancora una di queste puoi farci davvero molti soldi

Meglio controllare in cantina, alcune sorprese Kinder vintage si possono vendere a migliaia di euro. I collezionisti le cercano ovunque

Come la maggior parte dell’oggettistica presente all’interno delle nostre case, il valore di essa cresce anno dopo anno sempre di più. Questo è dovuto al forte interesse che alcune persone hanno per tali articoli, sempre pronte a sborsare delle cifre impensabili, ma che farebbero comodo a chiunque.

Valore aumentato per le sorprese Kinder
Valore aumentato per le sorprese Kinder (Ansa) – Linkcoodinamentouniversitario.it

Ci sono oggetti che possono apparire inutili e che invece sono ricercati dai collezionisti. Ovviamente, questo è dovuto alle unità prodotte e alla particolarità che alcune di esse hanno. Proprio come nella numismatica, poi, un errore di conio, o in questo caso di produzione, farebbe schizzare alle stelle il prezzo.

Oggi, fra i vari articoli che si possono vendere sul web, ci concentriamo sulle sorprese Kinder, in particolar modo, però, su quelle vintage. Sono tantissime le persone che, sicuramente, ne posseggono alcune nel ripostiglio e per loro la cosa migliore da fare è andare a controllare immediatamente, visto che i valori di questi oggetti sono aumentati in dismisura.

Sorprese Kinder vintage, le più ricercate

Sul web vi sono diverse piattaforme di compravendita dedite proprio ai collezionisti e, quindi, ai vari annunci condivisi da parte dei rivenditori. Fra questi ultimi, poi, ne spiccano alcuni che riguardano le sorprese della Kinder, inventate grazie al supporto di William Salice e che oggi hanno toccato dei valori impressionanti. Un giorno, Michele Ferrero chiese ai suoi collaboratori perché i bambini amassero così tanto l’uovo di Pasqua.

Centinaia o migliaia d'euro per le sorprese della Kinder
Centinaia o migliaia d’euro per le sorprese della Kinder (Fonte: screen Ebay.it) – Linkcoordinamentouniversitario.it

La risposta fu semplice, dato che i bambini adorano le sorprese al loro interno. “Diamo la Pasqua a ognuno di loro tutti i giorni”, tuonò il visionario imprenditore, e così fu. Oggi abbiamo alcuni articoli, che sono usciti durante gli anni passati all’interno degli ovetti, che valgono tantissimo.

A partire dal 1974, uscì Kinder Sorpresa, formato dal 47% di cioccolato al latte, esterno, e il resto di cioccolato bianco, all’interno. Ma a far brillare gli occhi dei più piccoli erano proprio le sorprese, cose che magari oggi possono far contenti i più grandi, dato che hanno il seguente valore:

  • Puffi Olimpici del 1983, dal valore di migliaia di euro, col puffo equilibrista a 1.100 euro e Puffetta che fa il salto a 400 euro;
  • Happypotami del 1991, con un valore che varia da 1,50 euro a 10 euro a pezzo, mentre l’intera collezione vale fino a 200 euro;
  • Coccodrilletti del 1992, 30 euro per la collezione completa;
  • Gnomi Burloni del 1992, di cui 16 pezzi valgono 40 euro e una collezione 300 euro;
  • Gnomi al Bagno del 1993, a 130 euro per 10 pezzi;
  • Tartallegre del 1992, con pezzi singoli a 10 euro circa e collezione a 200 euro;
  • Panda Parti del 1994, con collezione da 12 pezzi a 200 euro;
  • Squaibaba e Luna Park (1995, 1998), con collezione completa a 150 euro.

Visto il loro valore, se da piccolo mangiavi le uova Kinder, ti conviene andare a controllare nel ripostiglio per vedere se possiedi ancora una di queste sorprese, che valgono davvero un tesoro.

Impostazioni privacy