Permessi 104 per genitore anziano: come chiederli e chi dei figli può fare domanda all’INPS

Se hai un genitore anziano e hai bisogno di qualche ora di permesso per curarlo, ecco cosa devi sapere della Legge 104: non fartela scappare

Con l’invecchiare dei genitori, i figli hanno alcune necessità importanti. Innanzitutto, quando i genitori sono molto anziani c’è bisogno di più tempo per curarli e per dare loro tutto ciò di cui hanno bisogno, sia in termini sanitari che sociali. Inoltre, spesso e volentieri c’è anche la necessità di assumere una badante che li assista e soddisfi le loro esigenze primarie. Per tutto ciò c’è la Legge 104.

Cosa sapere dei permessi della Legge 104
Cosa sapere dei permessi della Legge 104 per i genitori anziani: cosa serve sapere (linkcoordinamentouniversitario.it)

Non tutti possono permettersi di investire delle ore di ferie o di permesso per assistere i genitori e, di fatto, questo non è neanche giusto, poiché i giorni di ferie andrebbero spesi e pensati proprio per il riposo. Dall’altro lato, però, le necessità dei genitori anziani sono palesi: ecco quindi in cosa consistono i permessi della Legge 104 e come li si può ottenere.

Legge 104 può fare al caso tuo: ecco come ottenere i permessi

La legge 104 del 1992 prevede alcune agevolazioni pensate per chi fa assistenza ai genitori anziani. Per usufruirne a pieno è necessario che l’anziano venga riconosciuto dall’INPS come disabile grave e, di conseguenza, è importante avviare la procedura di riconoscimento per tempo, così che al momento della richiesta delle agevolazioni questa pratica sia già stata sbrigata.

Cosa sapere dei permessi della Legge 104
Cosa sapere dei permessi della Legge 104 per i genitori anziani: cosa serve sapere (linkcoordinamentouniversitario.it)

La legge 104 concede tre giorni di permesso al mese per prendersi cura del disabile grave e può essere richiesta per un genitore, per un convivente, per un coniuge, per un parente entro il 2° grado o il 3° grado qualora abbia più di 65 anni. Non è assolutamente necessario che il richiedente dei permessi conviva con il genitore o il parente anziano.

Inoltre non è necessario che si presti assistenza a una sola persona: è possibile infatti usufruire della Legge 104 per più persone contemporaneamente. Infine, altro requisito necessario è la mancanza del ricovero a tempo pieno del genitore o del parente anziano.

Possono fare richiesta dei benefici previsti dalla Legge 104 tutti i lavoratori, tranne quelli agricoli giornalieri, quelli autonomi, quelli a domicilio, quelli con contratto di assunzione part-time e i parasubordinati. Infine, è possibile richiedere fino a un massimo di due anni di congedo straordinario in una vita lavorativa. Quindi utilizzare i benefici concessi dalla Legge 104 è di fondamentale importanza per prendersi cura di chi non è autonomo.

Impostazioni privacy