Pericardite, il problema al cuore che non puoi trascurare

La pericardite è un problema che interessa il cuore. È importante non trascurarne i sintomi per poterlo trattare in tempo.

La pericardite è un’infiammazione del pericardio, una membrana che avvolge e protegge il cuore. È una condizione che può essere causata da diverse ragioni, ma spesso ha origine da un’infezione virale. Recentemente, il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto è stato ricoverato d’urgenza al pronto soccorso per una sospetta pericardite, che poi è stata in seguito confermata.

cos'è la pericardite
La pericardite è un’infiammazione del pericardio, una membrana che protegge il cuore – Linkcoordinamentouniversitario.it

 

Ricordiamo che il pericardio è costituito da due strati sottili che contengono un liquido che serve a lubrificare il cuore e a ridurre l’attrito durante i movimenti cardiaci. Quando si verifica un’infiammazione del pericardio, questo liquido può riempirsi di cellule infiammatorie, compromettendo la sua funzione protettiva e causando dolore e disagio al paziente. Ci sono inoltre diversi tipi di pericardite. Abbiamo quella acuta che può durare qualche settimana e degenerare in cronica se dura più di due mesi. E poi abbiamo quella ricorrente che si verifica se il paziente ha più pericarditi acute consecutive.

Sintomi, cause e diagnosi

La pericardite può manifestarsi con diversi sintomi come dolore toracico acuto, febbre, fiato corto, palpitazioni, stanchezza generale, tosse e gonfiore addominale o degli arti inferiori. Le cause della pericardite possono essere molteplici. Oltre alle infezioni virali, possono essere causate anche da infezioni batteriche, fungine o parassitarie. O anche da malattie autoimmuni, tumori, insufficienza renale avanzata, farmaci, trattamenti radianti, traumi o lesioni. In alcuni casi, la causa rimane sconosciuta e si ha la pericardite idiopatica.

il ministro ricoverato per pericardite
Guido Crosetto fu ricoverato per una sospetta pericardite poi confermata – ph. Ansafoto – Linkcoordinamentouniversitario.it

La diagnosi della pericardite si basa sull’osservazione dei sintomi, sull’esecuzione di test strumentali come l’elettrocardiogramma, la radiografia del torace, l’ecocardiogramma e, talvolta, su esami del sangue. È importante individuare tempestivamente l’infiammazione pericardica per prevenire eventuali complicanze, tra cui il versamento pericardico, il tamponamento cardiaco e la pericardite costrittiva.

Il trattamento della pericardite dipende dalla sua causa e gravità. Di solito, il medico somministra una terapia farmacologica a base di analgesici e antinfiammatori per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione. Nei casi più gravi o nelle pericarditi di origine batterica, fungina o parassitaria, può essere necessario un trattamento mirato con farmaci specifici. In situazioni estreme, come un tamponamento cardiaco o una pericardite refrattaria al trattamento medico, potrebbe essere richiesta un’intervento chirurgico chiamato pericardiectomia, che consiste nella rimozione del pericardio.

Anche se la pericardite è generalmente una condizione benigna, è importante monitorare attentamente il paziente e gestire prontamente eventuali complicanze per garantire il suo recupero completo. Nel caso del ministro Crosetto, le sue condizioni sono state descritte come buone, e sarà sottoposto a ulteriori esami per determinare le cause del suo malore e pianificare il trattamento più appropriato.

Impostazioni privacy