Perdita di appetito, un sintomo da non sottovalutare: potrebbe essere il campanello d’allarme di qualcosa di grave

Avere poco appetito potrebbe essere il segnale che c’è qualcosa da indagare in modo più approfondito. Ecco cosa dicono gli esperti.

Può capitare di avere poco appetito e di lasciare il piatto pieno a cena o a pranzo. Ma quando bisogna preoccuparsi davvero? Ecco quali sintomi tenere in considerazione per darsi da fare a trovare la soluzione appropriata.

scarso appetito: e se fosse una malattia?
Poco appetito: le motivazioni per cui preoccuparsi (linkcoordinamentouniversitario)

Il calo dell’appetito viene chiamato inappetenza ed è qualcosa che chiunque può sperimentare durante la propria vita per molteplici ragioni. In sostanza diminuisce la voglia di mangiare o essa scompare. Le motivazioni possono avere la loro origine nella fisiologia o nella psicologia. Ma che cosa deve spingere a indagini più approfondite? Ecco tutti i suggerimenti indispensabili per agire nel modo giusto. Soprattutto è bene osservare se si tratti di una situazione temporanea o perdurante.

Mancanza di appetito: quando il problema è fisiologico o psicologico

Innanzitutto chi ha scarso appetito può soffrire d’ansia, le preoccupazioni e i pensieri possono travolgere un individuo impedendogli di mangiare. Tra le cause potrebbe esserci anche la depressione. Chi ha questo problema può non avere nemmeno la forza di uscire dal letto o tantomeno di mangiare. In questo caso si parla di inappetenza psicologica. Dunque è bene rivolgersi a un terapeuta.

appetito: la cause patologiche
Appetito: cosa dice la scienza – (linkcoordinamentouniversitario)

A far perdere l’appetito, più banalmente, può essere lo stress. In questo caso ci sono persone che perdono l’appetito e altre, invece, che si abbuffano. A tutto questo si aggiungono le dipendenze, da droghe o alcol. Infine potrebbero esserci problemi fisici, allo stomaco, oppure invecchiamento, diabete, cancro e molti altri. Se la natura è patologica è meglio chiedere aiuto a un medico. Ma come si deve procede qualora si trattasse di un problema psicologico?

Come prima cosa bisogna migliorare la qualità del sonno. Occorre fare di tutto per migliorare il riposo notturno. Poi è necessario fare attenzione a mantenere una dieta equilibrata. Bisognerebbe evitare cibi grassi con tanti zuccheri. Inoltre l’esercizio fisico può aiutare anche ad affrontare sensazioni negative o a risvegliare l’appetito.

C’è anche l’opzione che consiste nel domandare aiuto a uno psicologo, così come ci si può rivolgere a un dietologo per la dieta e un’alimentazione bilanciata. Ricordatevi che se l’inappetenza si prolunga nel tempo questa può condurre a una perdita di peso e questo incide sullo stato di salute che può risentirne. Mangiare nel modo giusto fa bene al benessere generale e aumenta l’energia di cui abbiamo bisogno per affrontare la giornata

Impostazioni privacy