Olio di oliva, vai subito al supermercato e fanne scorta

Negli ultimi tempi si sta andando sempre più incontro ad un aumento dei prezzi dei beni alimentari, inclusi l’olio d’oliva.

L’olio di oliva rappresenta uno degli ingredienti principali della dieta mediterranea. Un prodotto fondamentale nella cucina di molti paesi. E, purtroppo, continua ad essere al centro dell’attenzione per il suo costante aumento di prezzo. Ma cosa si può aspettare per il futuro di questo liquido prezioso?

aumenti prezzo olio d'oliva
I prezzi dell’olio d’oliva aumenteranno ancora – Linkcoordinamentouniversitario.it

La costante impennata del prezzo dell’olio di oliva è dovuta a molteplici fattori interconnessi. In primo luogo, va menzionata l’instabilità climatica, con periodi di siccità e temperature elevate che hanno ridotto significativamente la produzione di olio d’oliva. Questa diminuzione nella disponibilità di materia prima ha naturalmente innalzato i costi di produzione per le aziende agricole. In aggiunta, fenomeni come l’anomalo freddo primaverile e la diffusione della xylella, un patogeno che ha devastato milioni di alberi di ulivo, hanno ulteriormente compromesso la produzione. Il 2023 ha già visto un calo del 37% nella produzione di olio di oliva, e le previsioni per il 2024 non sono incoraggianti, con una prospettiva di ulteriore riduzione. Che impatto avrà questo sui consumatori?

Le conseguenze sul prezzo

Questo aumento dei costi di produzione si riflette direttamente sui prezzi al dettaglio, con un litro di olio extravergine di oliva che non può costare meno di 10 euro, con prezzi ancora più elevati in alcune regioni del nord Italia. Il consumatore medio è costretto ad affrontare una spesa significativamente maggiore rispetto agli anni precedenti, con un incremento che può arrivare fino al 400% rispetto al 2020. Le regioni meridionali dell’Italia, come la Puglia, la Sicilia e la Calabria, sono state particolarmente colpite dalla crisi produttiva. La loro produzione di olio di oliva è diminuita del 52%, con conseguenti aumenti del 50% nei costi delle aziende agricole. La situazione è particolarmente grave nel Salento, dove la xylella ha causato una perdita del 10% della produzione nazionale.

perché aumenterà il prezzo
L’aumento del prezzo dell’olio d’oliva è dovuto a vari fattori – Linkcoordinamentouniversitario.it

Le previsioni per il 2024 non sono rosee. I prezzi dell’olio di oliva probabilmente non diminuiranno fino alla prossima stagione di raccolta. L’instabilità climatica, insieme ad altri fattori come l’aumento dei costi dell’energia e del carburante, rende improbabile un ritorno ai livelli di prezzo precedenti. Tuttavia, è importante notare che l’Italia rimane uno dei principali produttori e consumatori di olio di oliva a livello mondiale. È fondamentale proteggere questo patrimonio e sostenere la sua produzione, non solo per preservare una parte importante della cultura e dell’agricoltura italiane, ma anche per garantire la qualità e l’accessibilità di un alimento fondamentale per la salute e il benessere delle persone.

In conclusione, l’aumento del prezzo dell’olio di oliva è il risultato di molteplici fattori, dall’instabilità climatica alla diffusione di malattie degli alberi di ulivo. Questo trend al rialzo ha un impatto significativo sui consumatori e sull’industria agricola, richiedendo un’attenzione continua e interventi mirati per affrontare le sfide future. La tutela e il sostegno all’olio di oliva rappresentano non solo un imperativo economico, ma anche una difesa di uno dei tesori culturali e alimentari più preziosi dell’Italia.

Impostazioni privacy