Meloni rivoluziona la Sanità, due nuovi provvedimenti: cosa cambia per le liste d’attesa

Meloni rivoluziona il panorama sanitario nazionale con due nuovi provvedimenti mirati a rivitalizzare il sistema sanitario italiano e a ridurre drasticamente i tempi di attesa per le prestazioni mediche, ma quali sono gli effetti di queste innovazioni sulle liste d’attesa?

Meloni rivoluziona la sanità
Meloni rivoluziona la sanità

Una nuova era per la Sanità pubblica si profila all’orizzonte con le recenti decisioni del Governo. Il Consiglio dei Ministri del 4 giugno ha tracciato il percorso per sradicare le liste d’attesa che affliggono gli ospedali. Una riforma ambiziosa è in fase di elaborazione, puntando a istituire un Centro unico di prenotazione nazionale. Questo centro, in collaborazione con le strutture private convenzionate, mira a snellire i tempi di attesa, garantendo un accesso più celere alle prestazioni sanitarie.

Meloni rivoluziona la Sanità

Il piano d’azione prevede due strumenti principali: un decreto legge agile e di immediata applicazione e un disegno di legge più articolato per affrontare gli aspetti operativi che richiedono un sostegno finanziario.

Un passo importante della riforma è la creazione di una Piattaforma nazionale per le liste d’attesa presso l’Agenas. Questa piattaforma fungerà da punto centrale per ricevere e gestire i dati provenienti dalle piattaforme regionali delle liste d’attesa, garantendo una visione unificata della situazione a livello nazionale. Le linee guida per il suo funzionamento verranno stabilite successivamente attraverso un decreto ministeriale.

Si prevede anche la creazione di un Cup unico regionale, un punto di riferimento per tutte le prestazioni disponibili, sia pubbliche che private convenzionate. Questo garantirà una gestione più efficiente delle risorse e una maggiore trasparenza nei servizi offerti.

Sanita cambia tutto
Sanità cambia tutto

Per incentivare la partecipazione delle strutture private al sistema di prenotazione pubblico, è stata stabilita la decadenza dei contratti con il Servizio sanitario nazionale per coloro che non aderiscono al Cup pubblico. Inoltre, durante la prima visita, i medici dovranno assegnare una classe di priorità ai pazienti, influenzando direttamente i tempi d’attesa.

Incentivi per i medici e nuove assunzioni

Per sostenere il personale medico, le tariffe orarie dei medici aumenteranno del 20%. Le Regioni potranno destinare risorse aggiuntive per la contrattazione collettiva dei medici, con particolare attenzione alle aree con carenza di personale. Inoltre, i giovani medici riceveranno incarichi fino a 10 ore settimanali, mentre gli specializzandi saranno chiamati a contribuire al ridimensionamento delle liste d’attesa.

Un Ispettorato generale di controllo sull’assistenza sanitaria sarà istituito per monitorare e garantire il corretto funzionamento delle liste d’attesa e dei piani operativi per il recupero delle liste.

Oltre alle riforme sanitarie, il Consiglio dei Ministri ha trattato vari altri argomenti, tra cui modifiche alla disciplina della magistratura onoraria, semplificazione normativa e il recepimento di direttive europee sulla protezione dei lavoratori.

Impostazioni privacy