Emergenza ospedali, ne mancano ben 63mila: l’allarme dell’Oms sulla carenza in Italia

L’OMS sulla carenza di personale ospedaliero in Italia è stato chiaro e preoccupante: il Paese si trova di fronte a un’emergenza ospedaliera senza precedenti, con una mancanza stimata di ben 63mila professionisti sanitari.

Emergenza ospedali
Emergenza ospedali

L’Italia si trova ad affrontare una crisi senza precedenti nel settore infermieristico. Secondo dati provenienti dall’Ocse, dalla Commissione europea e dalla Federazione Nazionale Ordini Professionali Infermieristici (Fnopi), il Paese è tra quelli con il minor numero di infermieri in Europa, con una mancanza stimata di almeno 63.000 professionisti sanitari. Le regioni più colpite sono la Lombardia e la Campania, e la situazione potrebbe aggravarsi nei prossimi anni a causa dell’invecchiamento della popolazione e delle difficoltà nell’attrarre nuovo personale qualificato.

Emergenza ospedali

La carenza di infermieri in Italia è il risultato di diversi fattori interconnessi. La scarsità di posti disponibili nei corsi di formazione infermieristica nelle università italiane non riesce a soddisfare la crescente domanda di iscrizioni. Anche coloro che riescono a superare i test di ammissione affrontano spesso una formazione considerata non all’altezza delle sfide attuali, con prospettive lavorative poco competitive a livello internazionale.

I dati evidenziano la gravità della situazione: decine di migliaia di infermieri stanno abbandonando la professione o lasciando l’Italia in cerca di migliori opportunità lavorative. Le ragioni di questa fuga includono un mix di responsabilità elevate, prospettive di carriera limitate e compensi finanziari poco gratificanti. Gli stipendi degli infermieri italiani, significativamente inferiori rispetto a quelli di altri paesi europei, rappresentano un ulteriore deterrente per coloro che considerano l’Italia come luogo di lavoro.

Pronto soccorso
Pronto soccorso

Richiamo dell’OMS

L’OMS ha sollecitato l’Italia, insieme ad altri paesi con problemi simili, ad affrontare la crisi del personale infermieristico attraverso investimenti mirati, sostegno e riforme formative. L’OMS ha fissato l’obiettivo di garantire l’assunzione di più di 6 milioni di infermieri in tutto il mondo entro il 2030, sottolineando l’importanza della professione infermieristica per la salute globale.

Per far fronte all’emergenza, le autorità italiane stanno cercando soluzioni innovative. Alcuni funzionari, come Guido Bertolaso e il ministro della Salute Orazio Schillaci, stanno esplorando la possibilità di reclutare infermieri e medici qualificati da altre parti del mondo, come il Sud America e l’India. Anche istituzioni socio-sanitarie, come quelle patrocinate dalla Conferenza Episcopale Italiana, stanno cercando personale sanitario in paesi in via di sviluppo.

La crisi degli infermieri in Italia richiede un approccio complesso e multidimensionale, che coinvolga sia riforme strutturali a lungo termine che soluzioni immediate per garantire la sicurezza e la qualità dell’assistenza sanitaria nel paese.

Impostazioni privacy