Detrazioni figli a carico: attenzione alla scadenza del 18 gennaio, allarme dei Caf

In merito alle detrazioni per i figli a carico bisogna fare attenzione alla scadenza del 18 gennaio. Si rischia grosso.

In base a quanto stabilito dalla recente risoluzione 55E dell’Agenzia delle Entrate ci sono nuovi obblighi che riguardano la Certificazione Unica 2024.

detrazioni figli a carico
Detrazioni figli a carico, attenzione alla scadenza del 18 gennaio – LinkCoordinamentouniversitario.it

Stiamo facendo riferimento a novità che hanno a che fare con le detrazioni per i figli a carico per i quali è stata fissata una scadenza al 18 gennaio 2024. Il mancato rispetto della suddetta scadenza può esporre ad importanti rischi. Ora ti spieghiamo tutto.

Detrazioni per figli a carico: non dimenticare la scadenza del 18 gennaio

L’Agenzia delle Entrate ha ribadito che in vista del prossimo anno sono previste delle importanti novità che hanno a che fare con la Certificazione Unica 2024, ovvero quel del documento fiscale, grazie al quale è possibile certificare l’acquisizione di un reddito da parte dei lavoratori dipendenti e assimilati.

bisogna fare attenzione alla scadenza del 18 gennaio
Detrazioni figli a carico, attenzione alla scadenza del 18 gennaio – LinkCoordinamentoUniversitario.it

In vista del prossimo anno i dati relativi ai figli a carico, necessari per il riconoscimento dell’Assegno unico e universale, saranno acquisiti direttamente dall’istituto previdenziale. Dunque nel 2024, sarà l’Inps a fornire i dati all’Agenzia delle Entrate per la dichiarazione precompilata relativa alla certificazione unica.

Questa novità prevede la possibilità, da parte del datore di lavoro, di indicare o meno nella CU2024 i dati relativi ai figli a carico dei propri dipendenti. Nella risoluzione numero 55 del 3 ottobre dell’Agenzia delle Entrate è specificato che è compito dei sostituti d’imposta compilare la sezione dedicata alla certificazione unica 2024, anche quando il dipendente percepisce l’assegno unico e universale.

Con l’entrata in vigore dell’Assegno unico, le famiglie che hanno figli a carico fino a 21 anni di età, si vedranno riconoscere le detrazioni per carichi di famiglia, con l’erogazione del suddetto assegno. Per questo motivo è importante che nella certificazione unica sia compilata la sezione relativa ai “Dati per il coniuge ai familiari a carico”, ovvero quelli che nel periodo d’imposta sono stati fiscalmente a carico del lavoratore.

Ora l’Agenzia delle Entrate fa sapere di avere intrapreso un’interlocuzione con l’INPS allo scopo di acquisire direttamente questi dati. L’Agenzia otterrà queste informazioni grazie alle dichiarazioni precompilate per la CU2024. Per questo motivo, il lavoro svolto dai datori di lavoro o sostituti di imposta nella compilazione della CU2024, è fondamentale “per incrementare il patrimonio informatico dell’agenzia e per mettere un confronto con i dati che saranno comunicati dall’INPS”.

Impostazioni privacy