Controlla sempre la pec, se l’atto arriva nella casella postale non c’è più scampo

Notifiche, invio di atti giudiziari, comunicazioni tra legali e scambi di documenti ufficiali tra enti pubblici e privati: attenzione alla PEC

Nell’era digitale in cui viviamo, le comunicazioni via email sono diventate la norma per lo scambio di informazioni sia nel settore privato che in quello pubblico. Tra le varie modalità di invio di documenti e comunicazioni, la Posta Elettronica Certificata (PEC) ha assunto un ruolo di rilievo, soprattutto nell’ambito giuridico, grazie alla sua valenza legale. Attenzione a controllare con frequenza la PEC. Quando arriva sulla casella PEC, un atto si considera notificato. Ecco cosa dice la legge.

PEC, atto notificato
La valenza legale della PEC – (linkcoordinamentouniversitario.it)

La PEC è un servizio di posta elettronica che garantisce l’autenticità, l’integrità, la riservatezza e la validità legale delle comunicazioni trasmesse. Questo viene reso possibile grazie alla crittografia e alla certificazione dell’identità del mittente e del destinatario da parte di un gestore accreditato dallo Stato.

Una delle principali ragioni per cui la PEC è ampiamente utilizzata nel contesto legale è la sua capacità di garantire la prova legale della spedizione e della consegna dei documenti. Quando un documento viene inviato tramite PEC, viene generato un “avviso di ricevimento” che attesta la ricezione da parte del destinatario. Questo avviso ha un valore legale equiparabile a una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Quando arriva sulla PEC, l’atto è notificato

L’uso della PEC è regolamentato dalla legge italiana. In particolare, il Decreto Legislativo 82/2005 disciplina la PEC e ne stabilisce le modalità di utilizzo e la sua validità legale. Secondo la normativa, le comunicazioni inviate tramite PEC hanno lo stesso valore legale delle comunicazioni cartacee e possono essere utilizzate come prove in sede giudiziale.

PEC, atto notificato
Quando arriva sulla PEC, l’atto è notificato – (linkcoordinamentouniversitario.it)

La PEC viene impiegata in una vasta gamma di contesti legali, tra cui notifiche, invio di atti giudiziari, comunicazioni tra professionisti legali e scambi di documenti ufficiali tra enti pubblici e privati. La sua validità legale è riconosciuta anche a livello internazionale, rendendola uno strumento importante per le comunicazioni transfrontaliere.

Tuttavia, è importante sottolineare che affinché una comunicazione via PEC abbia piena validità legale, è necessario che il destinatario sia regolarmente iscritto al servizio e che l’indirizzo PEC utilizzato sia corretto. In caso di contestazione sulla validità di una comunicazione inviata tramite PEC, è possibile richiedere la produzione dell’avviso di ricevimento come prova della consegna.

La presunzione di avvenuta consegna può essere contestata dal destinatario solo dimostrando malfunzionamenti oggettivi e non mere difficoltà soggettive a decodificare il messaggio elettronico. Lo ha recentemente stabilito la Corte di giustizia di Ascoli Piceno in una vertenza imbastita per la notifica di una cartella esattoriale.

Dunque, anche con questa sentenza, si consolida il principio secondo cui in relazione alle notifiche a mezzo PEC, la ricevuta di accettazione e di consegna al destinatario costituisce il documento idoneo a provare il perfezionamento della notifica.

Impostazioni privacy