Contributo affitto: ecco chi può accedere al sostegno più prezioso

Una buona notizia per i cittadini in merito a una misura che provvederà a contribuire al pagamento dell’affitto .Il momento storico è di certo difficile. Da un lato la prospettiva di una ripresa economica ancora lontana, dall’altro la consapevolezza che per buona parte dei cittadini la situazione non è delle migliori.

Affitto casa
Contributo per affitto casa: chi può chiederlo – linkcoordinamentouniversitario.it

Periodicamente le stesse misure a sostegno delle famiglie arrivano puntuali per provvedere ad aiutare, anche se in minima parte, milioni di cittadini ad affrontare la quotidianità, spesso sempre più complessa da gestire dal punto di vista economica. E le ultime notizie in merito appaiono più che mai positive.

Contributo affitto: come ottenere il prezioso sostegno

Il bando per l’assegnazione del “contributo a integrazione del canone di locazione per l’anno 2023” è stato definitivamente approvato, con la realizzazione della specifica graduatoria con tutti i relativi assegnatari. In questo specifico caso, il riferimento è a una operazione portata avanti dal Comune di Grosseto.

Bonus affitto
Contributo per affitto casa: chi può chiederlo – linkcoordinamentouniversitario.it

In merito alla stessa graduatoria c’è da dire che la stessa è composta da tre specifici allegati, consultabili sul sito del Comune. Nel primo allegato è possibile visionare le istanze relative alla prima fascia (A), risultate, di fatto, ammesse alla misura. Nel secondo, stesso discorso per la fascia “B”, anche in questo caso, parliamo di cittadini ammessi alla misura. Mentre nel terzo allegato (C) sono riportate le istanze escluse dal sostegno.

Ogni cittadino richiedente può a questo punto verificare la propria posizione. L’eventuale presenza tra i nominativi aventi diritto alla misura, non comporta, però, il diritto all’erogazione che può subire eventuali frenate in base alle disponibilità destinate alla stessa operazione immaginata dalla locale amministrazione toscana. Nel caso in cui, come anticipato, la disponibilità non dovesse coprire l’intero numero di aventi diritto si passerà a un abbassamento della stessa percentuale per consentire a tutti di ricevere almeno parte dello stesso importo previsto.

Tale discorso vale per i cittadini presenti nella fascia A. Per quel che riguarda la fascia B, vale la stessa riflessione fino a esaurimento delle risorse preventivate. I contributi in questione, stando a quanto rivelato dalla stessa amministrazione non scenderanno, per quel che riguarda l’importo, sotto i 200 euro. A partire dal prossimo 15 gennaio 2024 e non oltre il 29 febbraio 2024, i cittadini ammessi alla misura dovranno presentare la relativa documentazione che va ad attestare l’avvenuto pagamento dello stesso canone di locazione per l’anno attuale.

Tale documentazione, insieme al Modulo C” indicato nel bando e a una copia del documento di identità dovrà essere presentata presso gli uffici dei servizi sociali della città toscana, siti in via degli Apostoli 11. La stessa domanda, può inoltre essere inoltrata tramite PEC all’indirizzo comune.grosseto@postacert.toscana.it, con la seguente causale: “Contributo affitto 2023. Ricevute domanda n._”. Una misura, insomma, più che mai opportuna e di certo attesa dai cittadini.

Impostazioni privacy