Bonus studenti fuori sede: un sostegno prezioso per genitori e figli

Se siete studenti fuori sede e le vostre spese annuali sono sempre eccessive, ecco il bonus che fa per voi: non fatevelo scappare

Sono migliaia gli studenti che ogni anno lasciano casa per andare a studiare in un’altra città, lontana e sconosciuta. Spesso lo si fa poiché dove si è nati non ci sono le Università che si desidera frequentare, oppure per vivere un’esperienza diversa e arricchente. Inutile dire, però, che i costi non sono indifferenti: ecco quindi un bonus per gli studenti fuori sede.

Bonus per studenti fuori sede: ecco in cosa consiste
Bonus per studenti fuori sede: ecco in cosa consiste (linkcoordinamentouniversitario.it)

Se anche tu sei uno studente fuori sede e, nonostante l’esperienza di vita si stia rivelando per te formativa e arricchente sotto ogni punto di vista, le spese da sostenere ti stanno facendo meditare di tornare a casa tua, ecco un bonus che può aiutarti a rimanere dove sei, così da portare a termine tutti i tuoi progetti!

Bonus studenti fuori sede: cosa c’è da sapere

Ci troviamo nel comune di Carpi, in provincia di Modena. Qui, la Giunta comunale ha deciso di pensare a una forma di sostegno economico per tutti gli iscritti fuori sede del corso di laurea magistrale Unimore di Capri. Secondo quanto emerge dalle prime indiscrezioni, si parla di un rimborso fino all’80% della spesa sostenuta da ogni studente per quanto riguarda l’acquisto di abbonamenti annuali al trasporto ferroviario locale.

Bonus per studenti fuori sede: ecco in cosa consiste
Bonus per studenti fuori sede: ecco in cosa consiste (linkcoordinamentouniversitario.it)

Possono beneficiarne quindi tutti gli iscritti fuori sede al corso Alta Formazione Laurea Magistrale Sustainable Industrial Engineering che non siano residenti a Carpi. Presto sarà stilata una graduatoria che, in base all’ordine di arrivo delle domande, stabilirà chi potrà ricevere il bonus. Obiettivo del Comune è quello di sostenere tutti coloro i quali decidono di stabilirsi a Carpi per la propria formazione, soprattutto chi viene da lontano.

A parlarne è anche l’assessore Riccardo Righi che parla di questo bonus come uno strumento volto anche a favorire una mobilità più sostenibile, che quindi permetta agli studenti di rinunciare alla macchina personale per preferire mezzi come il treno o l’autobus.

Parallelamente stiamo guardando a strumenti utili per rispondere alla domanda di alloggi sul territorio, augurandoci una crescente presenza di studenti” continua l’assessore, rivelando quindi il progetto di Carpi di diventare un importante polo universitario per studenti provenienti da tutta Italia. Si tratta di un’iniziativa molto importante che può segnare positivamente il futuro di tanti studenti italiani.

Impostazioni privacy