Bonus figli, sostegno famigliare di 1300 euro: se hai questo limite ISEE puoi richiederlo

Il Bonus figli, un fondamentale sostegno famigliare con un importo massimo di 1300 euro, è disponibile per le famiglie che rientrano nel limite ISEE previsto, offrendo loro la possibilità di richiederlo per affrontare le spese legate all’assistenza e all’educazione dei figli.

Bonus figli
Bonus figli

Il supporto finanziario destinato alle famiglie italiane rappresenta un importante pilastro delle politiche sociali, particolarmente evidente nel caso del Bonus Figli. Questo incentivo fornisce un contributo economico fondamentale per molte famiglie, alleviando il peso delle spese legate all’assistenza e all’educazione dei figli.

I benefici del bonus figli

Il Bonus Figli è un meccanismo cruciale nell’aiutare le famiglie a fronteggiare le spese quotidiane e a garantire il benessere dei loro figli. Introdotta come parte delle politiche di sostegno alle famiglie, questa misura mira a ridurre il carico finanziario spesso associato alla crescita dei bambini. Oltre a fornire un supporto economico diretto, il Bonus Figli offre flessibilità nell’utilizzo dei fondi, consentendo alle famiglie di indirizzarli verso le esigenze più urgenti e prioritarie.

Una delle principali caratteristiche del Bonus Figli è la sua capacità di adattarsi alle diverse situazioni familiari e alle esigenze specifiche di ogni nucleo. Questo supporto finanziario viene erogato mensilmente sotto forma di un importo fisso, calcolato in base al numero e all’età dei figli a carico. Tale flessibilità consente alle famiglie di utilizzare il denaro ricevuto per coprire una vasta gamma di spese, che vanno dall’acquisto di beni di prima necessità all’assistenza sanitaria e all’istruzione dei figli.

Nuovo bonus figli
Nuovo bonus figli

Recentemente, la città di Verona è stata selezionata come uno dei 21 Enti leader nella regione Veneto per ricevere un finanziamento significativo dalla Regione Veneto, allo scopo di fornire assistenza alle famiglie nella copertura dei costi dei servizi per la prima infanzia. Questa iniziativa mira a sostenere non solo le famiglie veronesi, ma anche quelle dei 36 comuni associati all’Ats nell’accesso ai servizi per l’assistenza e l’educazione dei bambini più piccoli.

Per le famiglie residenti a Verona o in uno dei comuni associati all’Ats, l’opportunità di accedere al Bonus Figli si presenta come un sostegno concreto e tangibile. Attraverso un voucher che varia da un minimo di 900 euro a un massimo di 1300 euro, queste famiglie possono ottenere un aiuto finanziario significativo per affrontare le spese legate all’assistenza e all’educazione dei propri figli.

Requisiti e modalità di accesso

Per ottenere il voucher del Bonus Figli, le famiglie devono soddisfare alcuni requisiti specifici. Tra questi, la residenza a Verona o in uno dei comuni associati all’Ats, la convivenza con il minore e un reddito ISEE che non superi i 20.000 euro. Inoltre, è necessario che il bambino abbia usufruito dei Servizi per la Prima Infanzia (0-3 anni) per almeno due mesi nel periodo compreso tra il 1° settembre 2023 e il 31 agosto 2024.

Le domande di contributo devono essere presentate entro il periodo compreso tra il 1° aprile e il 15 maggio 2024, tramite il sito ufficiale del Comune di Verona, nella sezione dedicata alle “Comunicazioni e Avvisi dei Servizi Formativi e dell’Istruzione”. Dopo la scadenza indicata, sarà redatta una graduatoria dei richiedenti aventi diritto, e i contributi saranno erogati dal Comune di Verona fino all’esaurimento dei fondi disponibili.

Impostazioni privacy