Bonus 2024, non poteva arrivare notizia peggiore: dobbiamo dire addio ad alcuni molto importanti

Quali sono i bonus e le agevolazioni ai quali dovremo dire addio? Ecco cosa cambia e quali detrazioni spariscono

Il mondo dei bonus è in continua trasformazione e, pur avendo consentito nel corso degli anni di beneficiare di sconti importanti, non è costituito da misure la cui durata è illimitata nel tempo. Se in alcuni casi gli aiuti sono strutturali, come ad esempio l’Assegno Unico Figli o i sussidi destinati a persone con grave disabilità, in altri casi vengono introdotti per un periodo di tempo determinato e, anno dopo anno, possono anche essere rimodulati sulla base delle decisioni del Governo.

Bonus in via di conclusione: quali cessano di esistere
Attenzione a tutti i bonus che scompariranno nel 2024 (linkcoordinamentouniversitario.it)

Basti pensare alle agevolazioni legate agli interventi sulla casa, molti dei quali hanno una data di scadenza della quale bisogna tener conto per sfruttarli senza correre il rischio di perderli. Fatta questa premessa, cerchiamo di capire quali bonus andranno a scomparire nel 2024.

Bonus, quali spariscono nel 2024? Attenzione a tutte le agevolazioni che stanno per finire

Quella dei bonus che finiscono rappresenta certamente una notizia poco gradita dai cittadini. Non essere sufficientemente informati potrebbe infatti portare molti di loro a perdere l’opportunità di fruire di una di queste preziose agevolazioni che consentono di abbattere notevolmente i costi. Purtroppo non si può fare marcia indietro: come previsto nell’ultima Legge i Bilancio alcuni bonus legati alla casa cesseranno di esistere, per come li conosciamo, il 31 dicembre 2024 e non è chiaro ad oggi se verranno rimodulati o sostituiti con altri strumenti.

Bonus, cambia tutto dal 31 dicembre 2024
Agevolazioni casa: addio a bonus mobili, ristrutturazione ed ecobonus (linkcoordinamentouniversaitario.it) 

In questi anni tali aiuti hanno consentito ai cittadini di effettuare interventi di ristrutturazione, riduzione del rischio sismico degli edifici e riqualificazione energetica beneficiando di importanti agevolazioni. Ma l’Ecobonus o il Bonus ristrutturazioni sono tra le misure che a fine anno andranno a sparire: il Bonus ristrutturazione è quello con detrazione al 50% per interventi di restauro e risanamento conservativo.

L’Ecobonus invece consente di ottenere una detrazione tra il 50 all’8% sulla base dello specifico intervento di riqualificazione energetica effettuato. Infine scomparirà anche il Bonus mobili, intervento trainato dal Bonus ristrutturazione che permette di ottenere una importante detrazione del 50% sulle spese per mobili e grandi elettrodomestici.

La nuova direttiva UE case green, con la quale si richiede agli stati membri di raggiungere risultati importanti in termini di efficienza energetica degli edifici, potrebbe rappresentare però il punto di partenza per nuove agevolazioni: non resta dunque che attendere le novità in merito.

 

 

Impostazioni privacy