Allerta calabrone killer in Italia, si sta diffondendo: invasione in questa regione

Allerta calabrone killer in Italia, si sta diffondendo rapidamente, con segni evidenti di invasione che si manifestano in questa regione e suscitano crescente preoccupazione.

Allarme calabrone killer in Italia
Allarme calabrone killer in Italia

Il Calabrone Killer, conosciuto anche come vespa velutina o asiatico, sta rapidamente espandendosi nel Nord Italia, portando con sé una crescente minaccia per le api, gli alveari e la diversità biologica. Nonostante questa sfida in aumento, la Regione Liguria ha adottato un piano audace e proattivo per contrastare questa minaccia imminente. Questo piano include non solo l’implementazione di tecnologie innovative, ma anche l’adozione di misure preventive mirate, dimostrando un impegno deciso nella salvaguardia dell’ambiente e dell’apicoltura locale.

Allerta calabrone killer in Italia

Per proteggere le preziose api e gli ecosistemi locali, la Regione Liguria ha adottato le arpe elettriche come una delle principali armi contro la vespa velutina. Questi dispositivi, alimentati da pannelli solari, emettono scariche elettriche che paralizzano il pericoloso insetto senza danneggiare le api che attraversano la barriera. Grazie alla collaborazione con l’Università di Torino, la sperimentazione di questa tecnologia ha già mostrato risultati promettenti, aprendo la strada a una potenziale espansione dell’utilizzo di questa innovazione.

Calabrone killer
Calabrone killer

Oltre alle arpe elettriche, la Regione Liguria sta implementando una serie di altre misure preventive, tra cui corsi per la distruzione dei nidi e finanziamenti per l’acquisto di attrezzature apistiche e api regine. Questa strategia olistica mira a proteggere non solo l’apicoltura, ma anche l’ecosistema nel suo insieme, fondamentale per la biodiversità e la sostenibilità ambientale.

La minaccia della vespa velutina

Originaria dell’Asia sud-orientale, la vespa velutina si è diffusa in Europa a partire dal 2004, con segnalazioni iniziali in Francia. Da allora, si è estesa rapidamente in tutto il continente, raggiungendo anche l’Italia nel 2013. Le caratteristiche distintive di questa specie, come le dimensioni ridotte e il colore scuro, la differenziano dal calabrone europeo e la rendono una minaccia unica per le comunità apistiche.

Nonostante il suo impatto negativo sull’apicoltura e sull’ecosistema locale, la puntura della vespa velutina non è considerata più pericolosa di quella delle altre vespe europee per gli esseri umani, anche se può comunque causare fastidio e reazioni allergiche. Ma la crescente diffusione di questa specie rappresenta ancora una sfida significativa, poiché richiede azioni decisive e innovative per contenere e gestire efficacemente la sua presenza. In questo contesto, l’iniziativa della Regione Liguria si distingue come un esempio di impegno attivo nella ricerca di soluzioni efficaci per proteggere l’ambiente e le comunità locali.

Impostazioni privacy