Studentato all’Orientale: subito i primi problemi

by / Commenti disabilitati su Studentato all’Orientale: subito i primi problemi / 152 View / 1 settembre 2014

Share

Dopo anni di ritardi, di lentezze burocratiche e di disguidi di varia natura, lo Studentato dell’Orientale vedrà finalmente la luce ad inizio Settembre. Un servizio importante per gli studenti dell’Orientale, per il qualeabbiamo lottato e vigilato, tuttavia, l’erogazione di tale servizio ediritto risulta in salita.

 Innanzitutto, ci sembra troppo chiedere agli studenti una retta di 330€ per una singola e 250 € per una doppia che, seppur ammortizzato dalla borsa di studio, resta un prezzo alto. Ma, il paradosso di questa vicenda è ben altro: per far valere il proprio status di fuorisede, gli studenti devono obbligatoriamente partecipare al bando di alloggio ed accettarlo in caso di idoneità. Quindi, coloro che vivono già in un casa, o hanno trovato unaccordo con un nuovo proprietario, saranno considerati pendolari, anche inpresenza del contratto di locazione.

<< Studentessa dell’Orientale– “ma sono siciliana, perciò ho sempre preso in affitto una camera nel centro di Napoli, a due passi dall’Università. Non mi entusiasma l’idea di vivere nelnuovo studentato: è lontano dal centro e dai servizi più utili (supermercati enegozi vari) e i prezzi sono decisamente più alti rispetto alla media delcentro. Inoltre, reputo ingiusto essere costretta a disdire un regolare contratto già firmato o essere considerata pendolare in caso contrario. Se l’Adisu è l’azienda per il diritto allo studio, questa “minaccia” non è in contrasto con l’etica della stessa?>>

 Considerato il fatto che solo nell’ultimo CdA del 22 Luglio sono state rese note queste notizie, molti studenti avevano già provveduto a trovare una sistemazione privata.

 Afferma Lorenzo Bianco, rappresentante di Link Orientale nel CdA dell’Adisu -“alloggiare in uno studentato è una scelta, quindi, gli studenti fuorisede in possesso del contratto di locazione hanno pari diritti di coloro che richiedono l’alloggio. Inoltre, la Regione Campania non si assume ancorale proprie responsabilità: non solo il blocco dei finanziamenti hadeterminato, tempo addietro, il blocco dei lavori, ma, non assumendosi l’oneredi coprire la maggior parte dei costi dello Studentato, obbliga l’Adisuorientale ad esigere rette salate, cosa che non avviene in altre Regioni, incui il diritto allo studio è prioritario.>>

Link Orientale
#tuteliamoci