Specializzazioni: Il Miur si confronti con tutti gli aspiranti medici

by / Commenti disabilitati su Specializzazioni: Il Miur si confronti con tutti gli aspiranti medici / 9 View / 27 dicembre 2014

Share
Ci troviamo nelle condizioni di esprimere sentimenti ambivalenti, da un lato la soddisfazione di vedere accolto un giusto ricorso di fronte al caos avvenuto nel mese di novembre, dall’altra la preoccupazione di scoprire che ancora una volta il ministero si accorda con singoli medici, più intraprendenti di altri, millantando un reale coinvolgimento della categoria: se da un lato, infatti, come abbiamo ribadito più volte, risulta gravissimo quello che è avvenuto durante il concorso di ottobre, con l’inversione delle due prove, dall’altro è altrettanto grave che le alternative e le soluzioni a questo caos non vengano discusse con i diretti interessati tutti, ma solo con una piccola parte di essi che a volte prova, appunto, a strumentalizzare l’intera categoria.
Un reale confronto, non solo, a questo punto, con coloro i quali si sono visti danneggiati dall’errore del CINECA durante il concorso, ma anche con coloro i quali dovranno affrontare il prossimo test di specializzazione, sul quale futuro più volte si è discusso in queste settimane, dovrebbe prevedere l’istituzione di un osservatorio che rappresenti tutti gli interessi, reali, non presunti, in gioco, che permetta realmente di lavorare per migliorare la condizione attuale di migliaia di giovani (e futuri) medici.
A tale riguardo aggiungiamo una critica al battibecco che sta svolgendosi tra FNOMCeO e Consiglio dei Presidenti del Corso di Laurea, non è questo, infatti, il momento in cui colpevolizzarsi a vicenda, ma tutt’al più quello di unirsi in un fronte comune nella ricerca di una soluzione per salvaguardare il futuro di migliaia di giovani medici.
Vorremmo inoltre ribadire quanto detto anche in altre occasioni: lo strumento del ricorso risulta senza dubbio parziale.
Questo infatti non permette di ottenere dei risultati a lungo termine che solo un confronto serrato sulle questioni può garantire, inoltre non dovrebbe in alcun modo pregiudicare il quantitativo di borse e ricorse previste.  Esprimiamo quindi ancora una volta forte apprensione per i fatti sopracitati e invitiamo tutti a far sentire la propria voce di fronte al disinteresse che viene nutrito al governo per la maggioranza di noi.