[Padova] Approvata mozione in Senato Accademico su terzo ciclo di TFA, continua la campagna #iovoglio

by / 3 Comments / 17740 View / 11 dicembre 2014

Share

Il 9 dicembre, durante la seduta del Senato Accademico è stata approvata all’unanimitàla mozione proposta dalle rappresentanti de Il Sindacato degli Studenti, con la quale il nostro Ateneo si è espresso in merito ai Tirocini Formativi Attivi (TFA) chiedendo al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca di attivare un terzo ciclo di TFA per l’anno 2015/2016 e facendosi così portavoce dell’esigenza di moltissimi studenti e studentesse.

Il Piano Scuola di Renzi modifica per l’ennesima volta il sistema di accesso all’insegnamento per tutti coloro che aspirano a diventare docenti, prevedendo la creazione di magistrali abilitanti che andranno a sostituire l’attuale sistema di abilitazione all’insegnamento attraverso i TFA.

Come Sindacato degli Studenti abbiamo condiviso l’analisi fatta dal coordinamento studentesco di cui facciamo parte, Link, in merito a queste magistrali abilitanti (http://goo.gl/OWhILx), e abbiamo più volte sottolineato le varie criticità ad esse legate.

La questione più problematica è relativa agli studenti iscritti attualmente ai corsi di laurea magistrale e all’ultimo anno di triennale, poiché questi, una volta laureati, non avranno più la possibilità di iscriversi ai TFA e, nel caso volessero intraprendere un percorso per diventare insegnanti, si troverebbero costretti ad iscriversi nuovamente ad un’altra magistrale – tenendo conto del fatto che secondo l’attuale legislazione non è possibile ottenere due lauree magistrali all’interno della stessa classe.

Riteniamo quindi necessario che il Ministero istituisca per l’anno prossimo un terzo ciclo di TFA, e per questo abbiamo chiesto al nostro Ateneo di formulare una richiesta a riguardo, apportando delle modifiche rispetto a come era strutturato il TFA nei due precedenti cicli, e cercando quindi di migliorare le criticità presenti secondo le seguenti linee guida:

•  previsione da parte di Ministero di un sistema nazionale di modulazione della tassazione che renda la stessa proporzionale al reddito e la possibilità di accedere ai benefici erogati dagli enti regionali per il diritto allo studio;

• revisione del DM 22/05, eliminando talune ambiguità in esso contenute, e aggiornandolo con l’inserimento delle classi di laurea magistrali attraverso una lettura combinata con il Decreto Interministeriale 9 luglio 2009;

• garanzia dell’accesso al TFA, senza ulteriori prove, per coloro che sono risultati idonei al secondo ciclo di Tfa, pur non avendo avuto accesso alle graduatorie;

• uscita del bando in tempo utile per un ordinato avvio delle attività didattiche a fine ottobre;

• revisione del test preliminare a risposta chiusa, che eviti gli errori registrati nelle due prime edizioni e perché non risulti troppo sbilanciato su un settore della classe di insegnamento;

• creazione di protocolli per una garanzia della qualità della didattica dei corsi offerti dalle università;

• assegnazione agli Atenei dei tutor coordinatori nel numero e nei tempi previsti dal DM 8 novembre 2011;

• monitoraggio dello svolgimento delle attività formative con riferimento alle ore attribuite al tirocinio nelle scuole.

 

 

Libertà è partecipazione
Il Sindacato degli Studenti