Lauree che scompaiono, accorpamenti pazzi le denunce dei lettori sul caos-università

Lauree che scompaiono, accorpamenti pazzi le denunce dei lettori sul caos-università

by / Commenti disabilitati su Lauree che scompaiono, accorpamenti pazzi le denunce dei lettori sul caos-università / 23 View / 4 aprile 2011

Share

da Repubblica.it

Razionalizzare le facoltà e tagliare i fondi. Più i docenti mandati in pensione e non sostituiti. Così i “requisiti minimi” per far sopravvivere un corso diventano una bomba che spazza via anche veri fiori all’occhiello degli atenei. Da Astrofisica a Scienze sociali, a Scienza delle investigazioni. Lasciando gli studenti nel guadodi MANUEL MASSIMO

Cronache di chiusure annunciate: dal prossimo anno accademico alcuni corsi di laurea, in base alla normativa vigente, potrebbero non essere attivati per la mancanza dei “requisiti minimi di docenza”. L’Effetto-Gelmini, in questo caso, non è prodotto diretto della Legge di Riforma entrata in vigore a fine gennaio, ma parte da più lontano: precisamente dal Decreto Ministeriale n. 17 del 22 settembre 2010 che fissa i “paletti” numerici da rispettare per essere in regola e poter continuare ad erogare un corso presente nell’offerta formativa d’ateneo. La razionalizzazione dei corsi di laurea, che dal punto di vista squisitamente economico-finanziario può rappresentare una boccata d’ossigeno per i bilanci accademici, prevede due soluzioni: la soppressione o l’accorpamento. Provvedimenti che, uniti al blocco del turn-over e ai pensionamenti previsti nei prossimi anni, metteranno a dura prova gli atenei riducendo il bacino di docenti per coprire i corsi attivati. Con il risultato che l’offerta formativa delle università pubbliche subirà, nel suo complesso, un forte ridimensionamento. Sono due degli argomenti che ricorrono nelle storie raccontate dai lettori di Repubblica.it. Abbiamo approfondito.

Soppressi o accorpati? I requisiti minimi di docenza – vale a dire “il numero di docenti di ruolo complessivamente necessari, calcolato ipotizzando una situazione teorica di impegno nelle attività didattiche esclusivamente di un singolo corso di studio”, secondo la formula ministeriale – prevedono 12 docenti per i corsi di laurea (triennali) e 8 per quelli magistrali (biennali); per i corsi magistrali a ciclo unico di 5 anni il corpo docente di ruolo dev’essere pari a 20 unità, per quelli a ciclo unico di 6 anni il numero-minimo sale a 24. Con l’obiettivo di mettere “un limite alla proliferazione degli insegnamenti”, si rischia però – come ci hanno segnalato molti lettori in occasione della precedente puntata dell’inchiesta – di “tagliare le gambe” a iniziative didattiche valide e con concrete prospettive lavorative post-laurea, cancellandole o ridimensionandole fortemente.

“Fiore all’occhiello” spezzato. Alla Federico II di Napoli il corso di laurea magistrale in Astrofisica e Scienze dello Spazio è stato disattivato il 16 marzo su delibera del Consiglio di Facoltà: dal prossimo anno accademico non accetterà più nuove immatricolazioni. “Quella del Senato Accademico – si legge nella nota pubblicata sul sito dell’università – non è stata una decisione insensata, perché, con la nuova legislazione, i corsi di laurea poco popolati incidono negativamente e pesantemente sul finanziamento dell’università”. Effettivamente questo corso di laurea magistrale negli ultimi due anni aveva avuto una media di 12 iscritti (anziché 15, minimo previsto dai regolamenti ministeriali). Ma tutti i laureati, come precisa anche l’ateneo, “hanno finora trovato un inserimento nel mondo della ricerca scientifica nazionale e in special modo internazionale, dando una chiara indicazione di successo e competitività”. Un corso “fiore all’occhiello” sacrificato per mere ragioni di budget.

Genova senza Servizio Sociale. Nell’ateneo del capoluogo ligure il corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali è a rischio chiusura, come conferma il preside della Facoltà di Giurisprudenza Paolo Comanducci: “Detto semplicemente: il Miur pretende, a priori e in astratto, che per attivare i corsi di studio proposti una Facoltà abbia un numero di docenti considerato sufficiente sulla base di una formuletta matematica elaborata dal Ministero”. Per scongiurare la chiusura del corso, d’intesa con il rettore, è stata chiesta una deroga al Miur, ma ancora non è giunta una risposta ufficiale. Intanto la Regione e l’Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali stanno manifestando preoccupazione per la paventata chiusura del corso in questione: si tratta, infatti, di un percorso di studi necessario per accedere ai ruoli apicali dei Servizi pubblici nell’area socio-sanitaria.

L’Aquila, stop alle indagini. Ha quasi duemila iscritti, registra un alto tasso d’immatricolazioni, è l’unico in tutta Italia: eppure il corso di laurea in Scienze dell’Investigazione dell’Università degli Studi dell’Aquila sta lottando per sopravvivere e, se non riuscirà a trovare i docenti per raggiungere il minimo previsto dal Miur, dal prossimo anno accademico sarà costretto a chiudere i battenti. Il professor Francesco Sidoti, presidente del corso di laurea, ha scritto un accorato appello all’intera comunità accademica aquilana per rendere partecipi tutti del paradosso: per la mancanza di quattro docenti un corso con una precisa identità giuridica, colonna portante dell’ateneo e apprezzato anche in ambito internazionale non potrà essere attivato. Puntualizzando: “Nelle università italiane il settore della sicurezza è stato lasciato drammaticamente allo sbando in questi anni. Siamo il paese di Cesare Beccaria e di Giovanni Falcone; un tempo la criminologia italiana è stata la prima nel mondo. Di tutto questo nelle aule universitarie c’è ben poco, per motivi interni – legati agli aspetti corporativi, clientelari e familistici del sistema – e per motivi esterni se possibile ancor più deleteri: la mancanza di idee chiare e di lungimiranza”.

Triennali sfoltite, magistrali stabili. Capitolo accorpamenti. In molte università si sta rimodulando l’offerta formativa puntando sulla riduzione dei corsi di laurea triennali – meno numerosi e più “generalisti” – cercando di mantenere la specializzazione sui corsi magistrali. La Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, ad esempio, ha seguito questa strada operando fusioni mirate tra corsi affini, come conferma il preside Fabrizio Micari: “Dal prossimo anno accademico saranno accorpati i corsi triennali di Civile ed Edile e, nella sede distaccata di Agrigento, quelli di Gestionale ed Informatica. In tal modo i nostri corsi triennali scenderanno da 12 a 10 mentre rimarrà inalterato il numero di corsi di laurea magistrale (14 di cui una a ciclo unico quinquennale)”. Ritocchi omogenei anche per Ingegneria a Parma: tre corsi triennali “vicini” – Informatica, Elettronica, Comunicazioni – confluiranno in uno solo che sarà suddiviso in tre curricula. Invariata l’offerta specialistica. Ma non sempre gli accorpamenti seguono criteri logici di prossimità e affinità:  a livello di dipartimenti in alcuni casi il principale obiettivo – non dichiarato ma evidente – è quello di creare nuovi soggetti “di peso” all’interno di atenei, derogando al principio dell’omogeneità.

Il “caso” maxidipartimenti. All’Università di Padova il processo di aggregazione dei dipartimenti è cominciato lo scorso anno, in base alle linee guida del Senato Accademico che anticipavano la Riforma Gelmini. Marco Maggioni, rappresentante in CdA del Sindacato degli Studenti Link, sottolinea alcuni “casi” anomali nel nuovo assetto dipartimentale. Il più eclatante è quello del costituendo maxidipartimento “Filosofia, Sociologia, Psicologia Applicata”: “L’aggregazione di tutti questi dipartimenti – spiega Maggioni – non è basata su una comunanza a livello di ricerca o di didattica, bensì sulla volontà di costituire una struttura abnorme dal punto di vista numerico: avrà più di 150 docenti”. E il suo direttore designato – l’ex rettore dell’ateneo patavino Vincenzo Milanesi, delegato all’istruzione del bilancio – ha portato in commissione statuto la proposta di dare più risorse ai dipartimenti numericamente più consistenti. Solo un caso? Un altro dato interessante a proposito di accorpamenti “pazzi” è quello legato alle “spartizioni” di alcuni piccoli dipartimenti, uno per tutti “Geografia”: è stato fagocitato da realtà più grandi, dividendo i suoi docenti tra Geologia, Scienze Politiche e Scienze del Mondo Antico.
(continua)