la riforma slitta, noi non arretriamo: il 14 dicembre mandiamoli a casa!

la riforma slitta, noi non arretriamo: il 14 dicembre mandiamoli a casa!

by / Commenti disabilitati su la riforma slitta, noi non arretriamo: il 14 dicembre mandiamoli a casa! / 10 View / 2 dicembre 2010

Share

La maggioranza è in crisi, non solo per le diatribe interne tra singole forze e leader che provano a ricollocarsi, la maggioranza è in crisi perché non si aspettavano una nostra risposta, una reazione emotiva, intelligente, lucida e radicale, che è riuscita a inserirsi in un dibattito pubblico che era tutto incentrato su case a Montecarlo e escort maggiorenni e non.

Abbiamo modificato i temi e i tempi del dibattito parlamentare e stiamo portando il Governo e la sua inesistente maggioranza a rinviare di volta in volta un DDL sostenuto solo da Rettori e Confindustria. Non si è mai vista tanta determinazione tra gli studenti e non intendiamo mollare.
Per questo il 14 dicembre saremo in piazza a Roma e in tutt’italia, ci appelliamo non solo agli studenti, ma ai cittadini e alle cittadine italiane a unirsi a noi per una grande giornata, non solo di opposizione, bensì di riscatto sociale.
Il governo è precario come noi, ma, a differenza di Berlusconi e dei suoi vassalli di oggi e di ieri, a differenza di chi lo sostiene e di chi abbandona la barca, noi non cadiamo. Noi il giorno dopo saremo ancora lì, nelle scuole, nelle università, tra le macerie di questo paese, pronti a costruire un’alternativa, pronti a ricostruirci il futuro. Se il 14 dicembre finirà un’epoca, la prossima saremo noi.
Facciamo delle mobilitazioni di questi mesi, delle relazioni che abbiamo costruito, delle idee che abbiamo elaborato, l’inizio della nuova Italia. Mobilitiamoci in tutte le città, invitiamo la società civile, i lavoratori e le lavoratori, il mondo della cultura e i cittadini in lotta a costruire con noi una vera e propria giornata di liberazione. Mandiamolo a casa, costruiamo il futuro.