La lotta transnazionale per l’università libera e gratuita – The international struggle for a free University

by / Commenti disabilitati su La lotta transnazionale per l’università libera e gratuita – The international struggle for a free University / 172 View / 2 aprile 2015

Share

Starting from the occupation at the University of Amsterdam, a number of resistance movements is spreading across universities worldwide.
De Nieuwe Universiteit is spreading across Netherlands. Several universities of London are now occupied (King’s College, Goldsmiths, University of the Arts London, LSE and many others) while in Canada students, graduate assistants and contract faculty are striking in their universities (York, Toronto). Despite the geographical distance, these movements are all similarly and radically opposing to the neoliberal reforms taking place in the field of education.

Particularly representative in this protest landscape is the example of the LSE, hub of the success of profit-driven policies. Here, a group of students has occupied the Vera Anstey Suite, which is the main administrative office, in order to open a free and critical space for grounding the basis of a new university model.

The central claim of all these occupations is the refusal of the managerial profile adopted by the academic world, which results from the attempt to transfer the mechanisms of competition and meritocracy to the realm of education.

These mechanisms are not only reflected in the management of the university as an institution, but also in the value today conferred to knowledge and teaching, today compromised by the logics proper of the neoliberal market. In fact, for achieving ‘global competition’, academic work becomes devalued by conceptualising it not in terms of uncoerced production of knowledge but reducing it to marketable skills and productive assets. In addition, funding to university and research are now distributed on the basis of quantitative criteria which aim at evaluating the extent to which each university is ‘virtuous’ and competitive. The result of this process is a monetary evaluation of knowledge, forwarded and sustained by the influence of private funding in the governance of universities worldwide.

The extreme competition, the need to quantify and evaluate every aspect of the academic activity, the duty to increase the quality indicators and productivity in the university context generates episodes such as mobbing, stress and general frustration, leading to the progressive abandon of the academic world of those who, on the contrary, should be its main protagonists. In this sense, the marketisation of university education reproduces a form of social Darwinism: meritocracy, presented as a guarantee of equality of treatment and opportunity, is actually revealed as a tool for the individualisation of the formative path  of the students, a constant competition where the price is represented by the right to education and social justice.

From Italy, we look with surprise and hope to these occupations. Indeed, the radicality of these demands is not only a result of the opposition to the lowering of the funding for education nor to specific academic reforms, but it represents a problematisation and a questioning of the current paradigm sorrounding university education, characterised by processes leading to the marketisation of knowledge, as a whole. This reality is not foreign to our Italian situation; in the past 10 years the bipartisan politics have expelled more than 80000 students from university courses, have disregarded the right to education guaranteed by the constitution and have obliged various departments to share minimum public investment.

This situation is further worsened by austerity politics to which, together with the other PIGS states, Italy needs to conform. The logic behind these politics in the field of education is the same that permits the transformations of the job market leading to the increasing flexibility and precariousness of the workplace, accompanied by a weakening of workers’ rights and the progressive devaluation of democratic institutions, as exemplified by the Italian Jobs Act and the constitutional reform. The process of expulsion from higher education is functional to a general restructuring of the productive system towards a model based on cheap and rightelss labour, in the same way that the introduction of a managerial model at the level of university reflects the weakening of democracy and the shift of the field of education from public to market-based rules.

Today, the conditions affecting those within the job market, ranging from the unemployed to the worker, and students, can be put into comparison. Individualism and competition are masked by the narrative of meritocracy as ethical and necessary elements, while actually they work by disaggregating social cohesion and provoking a ‘war among the poors’, creating exclusion and solitude in our lives.

In this way, university has abandoned the goal of representing the milieu of production and circulation of knowledge able to critically modify the social reality surrounding us, becoming instead a place of competitive selection of the future ruling class, resulting in the reproduction of the class-based inequalities characterising contemporary neoliberal societies. Thus, far from being an instrument of emancipation, higher education has become a mechanism enhancing class divisions and perpetuating social disparities across generations.

From this Italian perspective, there is the urge to share and support international university occupations since, by demanding a free education, the public funding for education and research would be also accompanied by a participatory model in which teachers, researchers and students who ‘make’ the university have a voice, giving fresh blood to the realm of education in order to move on from the situation determined by austerity policies, through a thorough critique of the neoliberal system pointing towards a radical transformation of society.

—————————————————————————————————————————————————————-

A partire dall’occupazione dell’Università di Amsterdam, stanno prendendo vita esperienze di occupazione e protesta negli ambienti universitari in Europa e nel mondo.
L’esperienza di De Nieuwe Universiteit si stà espandendo in quasi tutti i Paesi Bassi. In queste settimane sono molte università di Londra hanno vissuto esperienze di occupazione (King’s College, Goldsmiths, University of the Arts London, LSE e molte altre) così come negli atenei canadesi (York, Toronto) sono in corso scioperi di studenti, dottorandi e contract faculty.
Nonostante la distanza geografica le rivendicazioni sono comuni e si inseriscono in una netta opposizione alle politiche neoliberiste imposte al mondo della formazione.

Emblematico è il caso della London School of Economics, culla del mito del profitto e luogo per eccellenza deputato alla riproduzione delle logiche del profitto. Qui un gruppo di studenti e studentesse ha deciso di occupare la “Vera Anstey Suite”, l’ufficio principale dell’amministrazione dell’Ateneo, per aprire uno spazio libero e critico che costituisca le fondamenta di un nuovo modello di università.

In questi gesti di occupazione centrale è il rifiuto al profilo verticale e manageriale replicato nel mondo accademico, frutto del tentativo di trasferire dal mondo del lavoro i perversi meccanismi di competitività e meritocrazia.

Tali meccanismi non si riflettono soltanto nella gestione dell’università come istituzione, ma anche nel valore stesso che viene ad oggi attribuito al sapere ed alla formazione, ridefiniti e piegati alle logiche del mercato. Per reggere quella che viene definita la “competizione globale”, viene svilito il lavoro accademico, prima inteso come produzione e condivisione di sapere libero ora ridotto a riproduzione di competenze utili al mercato del lavoro e asset produttivi. In parallelo i finanziamenti ad Università e Ricerca vengono distribuiti sulla base di criteri meramente quantitativi, atti a misurare la “virtuosità”, la competitività di un Ateneo. Il risultato è un’insana monetizzazione della conoscenza, ulteriormente incentivata dall’ingerenza sempre maggiore e sempre più vincolante di privati ed aziende sia nel finanziamento che nella governance delle università.

La competitività esasperata, l’invadenza della valutazione di ogni aspetto dell’attività accademica, l’obbligo di incrementare indicatori della qualità e della produttività in un contesto di risorse contingentate genera nel concreto episodi di mobbing, stress e malessere diffusi, portando ad allontanarsi dal mondo accademico proprio chi di quel mondo dovrebbe essere protagonista.

Vengono in questo senso riproposte le dinamiche escludenti proprie del cosiddetto darwinismo sociale: la filosofia del merito, presentata come garanzia dell’eguaglianza di opportunità, si rivela in realtà un dispositivo di individualizzazione del percorso formativo, una competizione continua in cui in palio ci sono i diritti dei soggetti in formazione e dei lavoratori.

Dall’Italia guardiamo con crescente stupore e gioia lo svilupparsi di queste mobilitazioni. La radicalità di queste mobilitazioni non è circostanziata all’opposizione rispetto alla riduzione dei finanziamenti o  un tentativo di riforma del sistema accademico, ma è consistita in una messa in discussione a 360° dell’attuale paradigma dell’istruzione universitaria e dei processi di mercificazione del sapere.

Non siamo estranei a questa realtà, nel giro di 10 anni le politiche bipartisan dei governi succedutisi hanno espulso più di 80.000 studenti dai corsi universitari, hanno saccheggiato il diritto allo studio – unica fonte di welfare studentesco- garantito dalla Costituzione e costretto gli Atenei a spartirsi le briciole del finanziamento statale.

Questa situazione viene tuttora aggravata dalle politiche di austerity a cui, insieme agli altri “PIGS”, l’Italia è sottoposta. La logica che sta dietro queste politiche in materia di istruzione è la stessa che determina le trasformazioni del mercato del lavoro orientate alla precarietà e all’indebolimento dei diritti dei lavoratori e al progressivo svuotamento delle istituzioni democratiche, come ad esempio sta avvenendo in Italia con il Jobs Act e la riforma della Costituzione. Il processo di espulsione dall’istruzione superiore è funzionale a una ristrutturazione del sistema produttivo verso un modello basato sul lavoro a basso costo e privo di diritti, così come l’introduzione del modello manageriale nei sistemi universitari riflette l’indebolimento della democrazia e la cessione di sovranità dalle istituzioni pubbliche al mercato.

Oggi le condizioni di chi affronta il mondo del lavoro, da disoccupato o da lavoratore, e di chi studia possono essere messe in parallelo. Individualismo e competizione vengono mascherati attraverso la retorica della “meritocrazia” come elementi giusti e necessari, mentre non fanno altro che disgregare la società e provocare la guerra tra poveri, creando solitudine ed esclusione nelle nostre vite.

E’ così che l’università ha abbandonato l’obiettivo di essere luogo di produzione e circolazione di saperi in grado di modificare la società che le sta attorno, è diventata semplice luogo di selezione della classe dirigente del futuro, una selezione tristemente basata sulle condizioni economiche e sociali di partenza degli individui. Da strumento di emancipazione l’istruzione universitaria diventa un meccanismo che conferma e accentua il divario tra classi sociali e perpetua le diseguaglianze di generazione in generazione.

E’ da questa prospettiva italiana che sentiamo l’urgenza di condividere e supportare queste mobilitazioni, perché rivendicando una formazione libera e gratuita, il rifinanziamento pubblico dell’istruzione e della ricerca, un riaccentramento dei processi decisionali nei quali docenti, ricercatori, studenti e lavoratori – chi vive l’università – abbiano maggior voce in capitolo, il mondo dei saperi possa dare una spinta propulsiva per uscire dalla gabbia dell’austerità e, attraverso una critica globale al sistema neoliberale, muoversi verso una radicale trasformazione della società.