La Gelmini “smarrisce” 6 miliardi

La Gelmini “smarrisce” 6 miliardi

by / Commenti disabilitati su La Gelmini “smarrisce” 6 miliardi / 5 View / 30 marzo 2011

Share

crackuni

Articolo su Repubblica.it di Corrado Zunino – Il ministero dei tagli, la Pubblica istruzione che con l’ultima riforma ha portato via 400 milioni all’università italiana, non sa spendere 6,2 miliardi che l’Europa ci offre chiedendoci di investirli nel futuro. Sono i fondi Pon (Programma operativo nazionale) sulla Ricerca e competitività, i più grandi tra i fondi strutturali Ue, previsti per l’arco temporale 2007-2013. Siamo nel 2011 inoltrato e sembriamo avviati a ripetere l’exploit del 2000-2006: missione di spesa europea fallita.

 

Accade che nel solco degli obiettivi di Lisbona, la grande assise europea del Duemila  che avrebbe voluto trasformare in dieci anni l’Europa “nella più competitiva e dinamica economia della conoscenza”, l’Unione europea abbia messo nella disponibilità del ministero delle Finanze (Tremonti) e operativamente del Miur (Gelmini) 6,2 miliardi da destinare alla ricerca e sviluppo in quattro regioni a reddito basso: Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. I luoghi attraverso i quali questi denari avrebbero dovuto essere impegnati sono individuati innanzitutto nelle università, leve, sostiene l’Europa, di buona produttività, presidi di un’economia fondata sulla ricerca.

Questa somma, 6,2 miliardi (che sale a 8,6 miliardi se si considerano le tranche gestite direttamente dalle quattro Regioni), è pari al costo annuale dell’intera università italiana ed è quattro volte maggiore dell’assegno messo a disposizione dalla Commissione europea per tutte le altre 16 regioni italiane. Già, il Pil in ricerca e sviluppo dell’Italia meridionale, se questi denari fossero davvero investiti, passerebbe dallo 0,78% attuale all’1,22% superando i valori del Nord. Il problema è che gli impegni di spesa sono partiti con tre anni di ritardo, nel 2009, e le percentuali dei fondi fin qui utilizzate sono davvero basse, residuali. Secondo le stime della società Vision, basate sui dati della Ragioneria di Stato, allo scorso febbraio i fondi impegnati erano stati il 19,88% (1,62 miliardi) e i pagamenti il 10,37% (644,6 milioni). Un risultato peggiore di quello realizzato dai governi succedutisi tra il 2000 e il 2006.

Il sottosegretario all’Istruzione, il lucano Guido Viceconte, alla Camera ha confermato  “una serie di slittamenti del programma e il suo significativo ritardo” e ha rilevato:  “L’assorbimento delle risorse nelle regioni della convergenza rappresenta un problema di notevole rilevanza”. Tutto dipende, sostiene Viceconte, dal fatto che sulla stessa questione agiscono due ministeri diversi: per dare un’accelerazione alle pratiche, ha spiegato, alcuni dirigenti del programma Pon sono stati cambiati. Il sottosegretario ha parlato di 1873 progetti finanziati in quattro aree tematiche per 915 milioni di euro totali. Cifre in linea con quelle offerte da “Vision”. Il deputato Pd Sandro Gozi, autore sul tema di un’interrogazione parlamentare, incalza: “Non ci sono soldi pubblici e sui fondi europei per la ricerca il governo riesce a impegnare, dico impegnare non spendere, una cifra che oscilla tra il 14 e il 20 per cento a seconda delle voci che consideriamo. Mi sembra una scandalo la cui gravità viene sottovalutata”.  

La macroscopica opportunità sprecata diventa ancora più stridente se si pensa che, oggi, ogni anno, 24 mila studenti meridionali decidono di iscriversi in un’università al Nord e 15 mila laureati del Sud ogni stagione si trasferiscono alla conclusione degli studi. Nonostante il livello di risorse distribuite, nessuna delle università meridionali si classifica tra le prime venti nelle graduatorie nazionali. Fonti della Commissione europea hanno ricordato, infine, come per cinque volte  –  cinque  –  la Ue abbia bocciato il sistema di “governo, controllo e monitoraggio del Pon” perché non dava sufficienti garanzie di efficienza e legittimità degli interventi. Bruxelles ha accusato i nostri ministeri di aver organizzato bandi che coinvolgevano solo banche italiane e ha bloccato pezzi di finanziamento.

(30 marzo 2011)

http://www.repubblica.it/scuola/2011/03/30/news/caos_universita_3-14194409/?ref=HREC1-8