IMMATRICOLAZIONI: PROSEGUE L’EMORRAGIA AL MEZZOGIORNO. NESSUNA INVERSIONE DI TENDENZA

by / Commenti disabilitati su IMMATRICOLAZIONI: PROSEGUE L’EMORRAGIA AL MEZZOGIORNO. NESSUNA INVERSIONE DI TENDENZA / 59 View / 10 marzo 2016

Share

I dati delle immatricolazioni 2015 pubblicati oggi dal MIUR certificano un crescente divario tra nord e sud del Paese e non determinano alcuna inversione di tendenza: le immatricolazioni negli ultimi anni sono infatti bloccate intorno a quota 270.000, cifra non paragonabile con i 338.000 immatricolati del 2003 o i 295.500 immatricolati del 2008

In particolare nel 2012 le immatricolazioni sono state 267.177, nel 2013 in crescita a 269.081, nel 2014 in calo a 265.565 e ora tornano a 271.119.

Ci chiediamo come faccia il Ministero a gioire per qualche migliaia di immatricolazione in più mentre l’Italia rimane fanalino di coda in UE come numero di laureati, nel 2014 tra la popolazione giovane i laureati erano il 23,9% contro una media UE del 37,9%

Altro dato allarmante è quello inerente il mezzogiorno. Il calo del 2,1% di immatricolazioni qui si somma al crollo avvenuto negli ultimi anni. Il meridione se fosse uno Stato a sé stante avrebbe una percentuale di laureati non solo inferiore a tutti gli stati UE ma inferiore anche a quella di Paesi in via di sviluppo come la Turchia.

Le politiche ministeriali di Renzi e dei governi precedenti hanno solo contribuito a rendere l’Università italiana sempre più elitaria. I corsi a numero programmato sono passati dal 55% del 2014 al 61% del 2015, il diritto allo studio non viene garantito e il Nuovo ISEE ha solo aggravato una situazione già compromessa, il sistema di distribuzione delle risorse sulla base di meccanismi premio-punitivi ha danneggiato le università che si trovano in contesti più difficili come il mezzogiorno del nostro Paese dove alcuni Atenei rischiano la chiusura. Per invertire la tendenza sono necessarie scelte radicali sia dal punto di vista dei finanziamenti complessivi sia per garantire il diritto allo studio.

Abbiamo presentato una proposta di legge di iniziativa popolare per garantire il diritto allo studio e una proposta per esentare dalle tasse il 39% degli studenti.