Esenzione dalle tasse universitarie per gli studenti terremotati

by / Commenti disabilitati su Esenzione dalle tasse universitarie per gli studenti terremotati / 897 View / 27 agosto 2016

Share

Il tempo ad Arquata, Amatrice, Accumoli, Pescara del Tronto e non solo si è fermato alle 3:36 del 24 Agosto, e l’immagine dell’orologio di Amatrice è divenuto il triste simbolo di questa tragedia. Tocca a tutti e tutte noi adoperarsi per riattivare quell’orologio, per riavviare lo scorrere del tempo e riportare i sopravvissuti e le sopravvissute quanto più possibile alla normalità.

Ci siamo attivati sin da subito per aprire nelle nostre università e non solo spazi e aule per la raccolta di beni di prima necessità, che hanno raccolto migliaia e migliaia di scatoloni, ma sappiamo che questo non basta. Chiediamo al Ministero dell’Istruzione di emanare immediatamente un decreto che esoneri dalle tasse universitarie tutti gli studenti e le studentesse residenti nei comuni terremotati. Questo provvedimento venne preso anche nel 2009 quando fu l’Aquila ad essere colpita dal terremoto. Riteniamo che sia un provvedimento che il Governo abbia l’obbligo di mettere in campo, per mettere che gli studenti riprendano o avviino il loro percorso universitario: non si tratta di solidarietà ma di un dovere, senza il quale sarà difficile per tanti, troppi studenti, studiare e formarsi nelle nostre università.

Tra Settembre e Novembre, infatti, gli Atenei chiedono il pagamento della prima rata delle tasse universitarie, già troppo costosa e molto spesso inaccessibile anche in condizioni di normalità. Ora tutte le istituzioni sono chiamate a dare una risposta immediata a chi affronta un momento umano ed economico di incredibile crisi e difficoltà. Dobbiamo mettere in campo tutti gli strumenti, dall’ esonero del pagamento delle tasse all’apertura di bandi straordinari per borse di studio e posti alloggio, per permettere agli studenti e alle studentesse colpiti dal terremoto di poter proseguire il proprio percorso universitario o di iniziarlo, senza pesare sulle famiglie che difficilmente potranno affrontare anche questo sforzo.

Siamo quindi pronti a dare battaglia per ottenere sia il provvedimento speciale da parte del Governo per l’esonero delle tasse universitarie, sia l’apertura di bandi straordinari degli enti regionali per il Diritto allo Studio per l’assegnazione di borse di studio e posti alloggio agli studenti e alle studentesse colpiti dal terremoto, ed in ogni caso chiederemo anche agli Atenei misure immediate.