lezione2

Esami spostati, lauree in forse, più tasse: l’effetto-Gelmini è il caos negli atenei

by / Commenti disabilitati su Esami spostati, lauree in forse, più tasse: l’effetto-Gelmini è il caos negli atenei / 13 View / 24 marzo 2011

Share

lezione2

Non solo il blocco per l’organizzazione di didattica e ricerca. La riforma sta producendo disagi e ostacoli enormi per gli studenti che vedono cambiare all’improvviso i loro percorsi di studio. O, soprattutto, si trovano in assenza di certezze. Segnalate casi e disfunzioni – di MANUEL MASSIMO

 
Allarmi e proteste ormai non si contano: le funzioni della ricerca (tutte), la chiamate di progettisti, associati e docenti sono bloccate. La legge – e si sapeva – ha bisogno di molteplici decreti che il governo dimentica. La Legge Gelmini, varata con l’intento di “mettere ordine” negli atenei, sta producendo situazioni caotiche fin dalla sua entrata in vigore, ormai due mesi fa. Sono gli effetti macroscopici che abbiamo raccontato nella prima puntata di questa inchiesta.

 


Ma non si tratta di fisiologici “effetti collaterali”: l’Effetto-Gelmini sta colpendo i gangli del sistema universitario omettendo di dare risposte certe, coperture di spesa e soluzioni pratiche per i mille problemi con cui devono confrontarsi ogni giorno studenti, docenti e tutte le altre figure che animano il variegato microcosmo universitario. Le disfunzioni riguardano molteplici aspetti della vita tra le mura accademiche: lo testimoniano le centinaia di segnalazioni che quotidianamente riceve il nostro sito, le migliaia di discussioni aperte sui forum della Rete, le innumerevoli iniziative promosse “dal basso” – praticamente in ogni ateneo e in tutte le facoltà – per portare a conoscenza situazioni locali di “disagio” rispetto a un progetto di “riordino” del sistema universitario che sta producendo invece un “blocco forzato”, soprattutto per l’assenza di linee-guida da seguire e per la mancanza di un disegno veramente organico di riforma.
Razionalizzazione o tagli? Uno dei cavalli di battaglia della Legge Gelmini – che il ministro ripete spesso come un vero e proprio “mantra” – è stato quello della “lotta agli sprechi”: “Con la Riforma dell’Università ci sarà una razionalizzazione delle risorse”. All’atto pratico questa dichiarazione di buonsenso si traduce in determinate azioni che il Miur metterà in atto fin dal prossimo anno accademico: l’accorpamento e/o la cancellazione di corsi di laurea per mere ragioni di budget d’ateneo, mettendo totalmente in secondo piano la didattica e la ricerca.
Accorpamenti e cancellazioni. L’antipasto è stato servito a fine febbraio con l’annuncio del “progetto pilota” di riorganizzazione dei sette atenei campani: il “contenimento del numero dei corsi di studio per evitare inutili sovrapposizioni” ha portato alla soppressione di trentaquattro corsi e all’eliminazione di sei sedi decentrate, tra cui quella della facoltà di Giurisprudenza di Nola (città natale del filosofo Giordano Bruno e sede di Tribunale) che attualmente conta 7 mila iscritti. Ma il piatto forte di questa “razionalizzazione” arriverà scaglionato nei prossimi anni: a Bologna (il più antico ateneo d’Europa) entro il 2013 le attuali ventitré facoltà dovrebbero diventare dodici, o ridursi addirittura soltanto a cinque attraverso maxi-accorpamenti eterogenei per rispettare i rigidi dettami della Legge. Su questa scia, a Catania la facoltà di Lingue finirà inglobata in Lettere e Filosofia. E così via.
Senza appello. La contrazione degli appelli d’esame è una situazione comune a tutte le facoltà e va a “colpire” soprattutto chi si è iscritto con un vecchio ordinamento ormai “in scadenza”. La politica di concentrazione dei momenti di verifica sta portando a situazioni di disagio in moltissime facoltà: chi di regola aveva 5 appelli ordinari e 2 appelli straordinari per tutte le materie si è ritrovato quest’anno con un appello ordinario in meno e con l’impossibilità di sostenere esami in quelli straordinari, riservati a fuoricorso e ripetenti. Queste regole stanno generando un circolo vizioso: in questo modo, infatti, è molto più facile andare fuoricorso o essere ripetenti perché non si ha la possibilità di rimediare “in corso” a eventuali battute d’arresto.
Ricerca solo per pochi. La Legge Gelmini, all’articolo 18 comma 5, prevede che solo alcune figure possano svolgere progetti di ricerca e partecipare ai gruppi che se ne occupano. Restano fuori – come denuncia il Coordinamento Precari dell’Università – gli assegnisti e chi non è “strutturato”. Ma, come sottolinea Link – Coordinamento Nazionale Universitario, questa situazione tocca anche gli studenti delle lauree triennali che potranno portare avanti soltanto lavori compilativi per la tesi: chi sta svolgendo progetti di ricerca e tesi sperimentali non ha più la copertura legale per farlo e rischia di essere allontanato dai laboratori ed escluso dai gruppi di ricerca. E così: “La riforma che dovrebbe avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, in realtà impedisce loro di fare un’esperienza reale di ricerca sperimentale fin dai primi tre anni di università”.
Tassati e tartassati. “L’aumento delle tasse è una extrema ratio che non vogliamo prendere in considerazione”. Il ministro Mariastella Gelmini rassicura gli studenti, eppure alcuni atenei hanno già cominciato a ritoccare verso l’alto la retta annuale. Ad esempio il 15 febbraio il Senato Accademico dell’Università di Tor Vergata ha deliberato un aumento indiscriminato delle tasse universitarie per tutti gli studenti nella misura del 13%, indipendentemente dalla condizione economica in cui versano. E questa non sarebbe una conseguenza diretta dell’entrata in vigore della Riforma Gelmini? Ormai dovrebbe essere abbastanza chiaro che le “riforme a costo zero”, specie in un settore delicato e complesso come quello accademico, non esistono e non possono funzionare: un ateneo, proprio come una macchina, ha bisogno di carburante (cioè risorse) per funzionare e di continua manutenzione degli ingranaggi per restare in carreggiata ed evitare di andare in panne.(continua)(23 marzo 2011)