Corte dei Conti blocca Decreto FFO ’14, Atenei col fiato sospeso per errore MIUR che nasconde riforma del Costo Standard

by / Commenti disabilitati su Corte dei Conti blocca Decreto FFO ’14, Atenei col fiato sospeso per errore MIUR che nasconde riforma del Costo Standard / 113 View / 25 novembre 2014

Share

Apprendiamo a mezzo stampa che il Decreto FFO 2014, già fortemente criticato da LINK, è stato bloccato dalla Corte dei Conti per “mancanza di una copertura importante”.

Circola con insistenza l’indiscrezione secondo cui la Corte dei Conti, a seguito di un confronto con la Ragioneria Generale dello Stato, avrebbe espresso molte perplessità sull’impianto generale del decreto in relazione alle risorse preventivate.

L’insufficienza delle risorse a copertura del Decreto FFO e del Decreto Costo Standard denunciato dalla Corte dei Conti fa il paio con l’insufficienza totale delle risorse per il sostentamento delgli Atenei del nostro paese, ormai affamati da tagli lineari, confermati dal DDL Stabilità che da oggi al 2023 ammonterà a 1,431 milioni di euro.

Ribadiamo le nostre fortissime perplessità circa l’introduzione del sistema del “Costo Standard per Studente in corso”, che, escludendo gli studenti fuori corso dal calcolo delle risorse da assegnare alle università, indurrà agli atenei ad aumentare le tasse per moltissimi che hanno subito un rallentamento negli studi perché obbligati a lavorare per sostenersi gli studi. E’ inoltre evidente il tentativo di confermare la logica del Blocco del Turn-Over e dei numeri chiusi e programmati a causa dell’obbligo di sostenere con risorse proprie l’eventuale assunzione di un numero più elevato di docenti ( pur essendo l’Italia è agli ultimi posti nel rapporto tra docenti/studenti).

Resta un fatto politico inaccettabile il Ministero dell’Università e della Ricerca non può secretare il testo del “Decreto costo standard”, a maggior ragione dopo l’ennesimo errore, occultandolo agli organi di rappresentanza di docenti, studenti e lavoratori (CUN e CNSU). La Ministra Giannini ed il Direttore Generale del Dipartimento Università Marco Mancini rendano pubblico il testo ed aprano immediatamente una discussione sulle modalità di ripartizione risorse che saranno a disposizione degli atenei e prendano posizione contro gli ulteriori tagli che si profilano nella Legge di Stabilità.