Borse di studio a rischio causa ritardi. Il Miur intervenga​ immediatamente!​​

by / Commenti disabilitati su Borse di studio a rischio causa ritardi. Il Miur intervenga​ immediatamente!​​ / 154 View / 3 maggio 2016

Share
 Siamo giunti quasi alla conclusione dell’A​nno ​A​ccademico, ma per migliaia di studenti idonei alle borse di studio, è ancora un periodo di attesa.
​ ​
Infatti, a causa di lungaggini burocratiche deve essere tuttora ripartito il Fondo Statale per il Diritto allo Studio, con la conseguenza che in moltissime regioni italiane l’assegnazione delle borse di studio e, quindi, il loro invio agli studenti, non è ancora avvenuto.

Questo enorme ritardo, che abbiamo denunciato, non soltanto stravolge il significato delle borse, rendendole dei meri rimborsi, ma rischia di provocare un effetto moltiplicatore nelle Regioni dove si attende l’erogazione delle borse straordinarie per gli studenti esclusi causa ISEE, introdotte grazie alle mobilitazioni studentesche di quest’anno. In queste Regioni le borse straordinarie saranno assegnate solo dopo la copertura del bando ordinario. Grazie al grosso lavoro che abbiamo portato all’interno del CNSU negli scorsi mesi siamo riusciti a trovare un rimedio per quella che rischiava di essere un’esclusione di massa dal sistema del Diritto allo Studio. E’ assolutamente inaccettabile che oggi questi avanzamenti siano messi a rischio dalla lentezza burocratica del sistema: il Miur deve intervenire immediatamente!

​Il 5 maggio si terrà una riunione della Conferenza Stato – Regioni, organo che, con il suo parere sulla ripartizione delle risorse, avvia definitamente l’iter necessario ad assegnare ed erogare le borse di studio. ​Ci a​uspichiamo che in tale riunione sia approvato definitivamente il riparto del fondo e che si proceda nell’immediato ad inviare le borse di studio e quelle dei secondi bandi.

Se questo passaggio non sarà concluso al più presto a migliaia di studenti sarà negato nei fatti il diritto a poter sostenere i costi del proprio percorso accademico. Siamo pronti a mobilitarci nelle prossime settimane, dentro e fuori dagli Atenei del paese, qualora non dovesse giungere una risposta tempestiva da parte del Ministero.

Studenti Indipendenti – LINK