ACCESSO ALL’INSEGNAMENTO: FINALMENTE DECRETO SUI 24 CFU PER ACCEDERE AL FIT

by / Commenti disabilitati su ACCESSO ALL’INSEGNAMENTO: FINALMENTE DECRETO SUI 24 CFU PER ACCEDERE AL FIT / 6529 View / 10 agosto 2017

Share

Apprendiamo che poche ore fa il Ministero ha emanato il tanto atteso Decreto Ministeriale concernente i 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche, necessari per l’accesso al nuovo concorso FIT, il nuovo modello di abilitazione all’insegnamento.

QUI invece trovate gli allegati A e B che sono stati pubblicati solo ora con gli obiettivi formativi a cui devono rispondere gli insegnamenti inclusi nei 24 cfu.

Dopo mesi di assemblee, mobilitazioni, appelli e mozioni, a partire dalla campagna #iovoglioinsegnare, notiamo con favore che molte delle richieste che abbiamo avanzato sono state accolte dal Ministero, a partire dalla necessaria gratuità dell’acquisizione dei 24 CFU fuori dal piano di studi (crediti extracurriculari) per gli studenti che decidono di conseguirli durante la loro carriera. Le università saranno obbligate ad aumentare a 24 i crediti sovrannumerari acquisibili per ogni percorso di laurea e gli stessi studenti potranno usufruire di un “semestre bonus” per conseguirli fuori curriculum prima della laurea, in modo tale da non risultare fuoricorso e di continuare a godere di tutti i benefici del Diritto allo Studio – tassazione progressiva, accesso ai bandi del DSU, No Tax Area ecc.


Il Ministero, inoltre, ha accolto la nostra proposta di fase transitoria rispetto alla definizione della rosa di SSD dei 24 CFU: in via sperimentale, per il 2017/2018, sarà possibile conseguire quasi tutti gli SSD previsti nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e in tecnologie e metodologie didattiche, ai fini della partecipazione al primo concorso FIT. (Per l’elenco dettagliato degli ssd vedi l’articolo 3 del decreto.). Verranno convalidati però solo gli esami coerenti con gli obiettivi formativi contenuti negli allegati. In Consiglio Universitario Nazionale abbiamo chiesto di non considerare questo vincolo nella fase transitoria ma il Ministero l’ha mantenuto seppur con l’ampia rosa di SSD.

 

Ciascuna Università sarà tenuta ad istituire gli insegnamenti previsti, anche tramite l’istituzione di corsi interateneo, e in ogni caso con l’obbligo di fissare un tetto massimo di 500€ nell’erogazione dei 24 CFU se conseguiti fuori dal percorso di laurea – tetto che si riduce nel caso in cui i crediti da acquisire con corsi singoli siano inferiori a 24 e in caso di reddito basso. Inoltre, dei 24 cfu, non potranno esserne conseguiti più di 12 in modalità telematica.

 

Affinché sia possibile conseguire i 24 CFU appena istituiti sarà necessario che le università si adeguino in tempi record: come rappresentanti degli studenti e delle studentesse ci impegneremo da subito affinché gli appelli per gli SSD previsti vengano garantiti fin da subito. Se così non fosse siamo pronti a mobilitarci in ogni ateneo del paese.


Riteniamo, inoltre, che sia ingiusto far pagare a studenti già laureati o iscritti in III fascia altre centinaia e centinaia di euro per conseguire ulteriori crediti, resi obbligatori solo con la nuova normativa, e di cui gli stessi studenti erano quindi ignari. Per questo continueremo a mobilitarci e a lottare dentro e fuori gli organi universitari per chiedere la gratuità dei 24 CFU, anche post lauream! E’ necessario inoltre che le Regioni e gli Enti per il diritto allo studio adeguino i bandi unici, già pubblicati, in modo tale da includere anche gli studenti e le studentesse che beneficieranno del semestre bonus nella copertura delle borse, delle residenze e di ogni altro servizio.

 

Grazie all’incredibile partecipazione degli studenti e delle studentesse sono stati fatti importanti passi avanti, ecco perché non ci fermeremo qua, e da settembre saremo in ogni corridoio e in ogni facoltà per informare gli studenti e le studentesse, costruire assieme a loro assemblee ed iniziative per rendere realmente accessibile a tutti e tutte il conseguimento dei 24 CFU e quindi la possibilità di avviarsi al percorso per insegnare!

#iovoglioinsegnare