A Mattia, come le nuvole tra noi e il cielo

by / Commenti disabilitati su A Mattia, come le nuvole tra noi e il cielo / 3460 View / 24 luglio 2017

Share

Le parole dei compagni e delle compagne di Link Ferrara per Mattia, un compagno, un fratello, uno di noi.
Sono anche le nostre.

HASTA SIEMPRE COMPANERO!
Caro Mattia,
siamo i tuoi compagni e le tue compagne a scrivere. Non è un cordoglio, non è un messaggio solidale, non è nemmeno la “cosa di facciata” che tu tanto odi. Questa è una lettera aperta, un nostro pensiero sui perchè tu vivrai comunque in ognuno di noi.
Sei parte di ciascuno per quello che sei riuscito a dare conoscendoci e facendoti conoscere. Ogni tuo gesto, ogni tua parola, ogni tuo sorriso è stato importante per almeno uno o una di noi. Tu continuerai ad ESSERE, perché le persone, per quanto poco possano restare in questa vita, lasciano sempre qualcosa di importante da poter condividere con gli altri.
Ed è proprio questo che ti contraddistingue, quella capacità e quello spirito di condivisione.
Abbiamo condiviso il calore di piazze, proteste, manifestazioni, auditorium-dormitori, università, campagne elettorali, corridoi, pranzi, cene, sorrisi e scazzi.
Abbiamo condiviso le emozioni della prima assemblea pubblica di Link e quelle di tutti gli altri risultati ottenuti insieme.
Abbiamo condiviso la gioia dell’ubriacatura dopo la vittoria alle elezioni universitarie. Ed altrettante nelle nostre seconde case, il Centro Sociale La Resistenza Ferrara, gli scaloni del municipio, il paki bar, Carlo Mayr 241, le strade, le strade, le strade…
Proprio quelle strade, di una dormiente Ferrara, in cui un gruppo di amici è riuscito a convivere, vivere, divertirsi ed amarsi con semplicità. Amare, il filo rosso che lega tutti noi: amore per noi, amore per te, amore per qualsiasi momento bello o brutto vissuto assieme. E sono queste le tue ultime parole lasciate a Saraceno 40, casa tua: “l’amore è l’oro che ci unisce e va oltre il tempo e lo spazio. S40 oggi, ieri, domani…sempre”.
Ci hai lasciati in questo mondo pieno di contraddizioni, di odio e di ingiustizia ed era questo che a te dispiaceva: vedere e capire il mondo per quello che era. Più nello specifico odiavi vedere la tua amata città, Taranto, in mano a degli sciacalli che preferiscono il dio denaro alla salute delle persone.
Tu per la tua Taranto volevi giustizia! Ne sentivi la necessità per essere diverso da tutti gli altri spettatori silenti. Ci hai provato e ci volevi provare in ogni modo, hai costruito per questo un momento di riflessione, culturale e sociale: TEDxTaranto. Ed ancora una volta lo hai fatto mettendo a disposizione il tuo spirito di condivisione, valore portante della tua persona, per il resto della squadra.
Il tema, significativo, lo avevate deciso insieme: “LE NUVOLE”.
Le Nuvole,
caro Mattia,
“Vengono vanno ritornano
e magari si fermano tanti giorni
che non vedi più il sole e le stelle
e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai
Vanno vengono
per una vera mille sono finte
e si mettono lì Tra noi e il cielo
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia”

Ora più che mai questa parola ha un senso per noi: tu vivrai per sempre come le nuvole tra noi e il cielo, a Taranto, a Ferrara, ovunque.
Ciao fratello nostro, ti vorremo per sempre bene.